Portale Australia

Pinnacles Desert, uno scenario incredibile del Western Australia

A circa 250 km a nord di Perth si trova un paesaggio incredibile, chiamato The Pinnacles Desert, una distesa desertica lungo la Coral Coast e all’interno del Namburg National Park caratterizzata da migliaia di formazioni rocciose che hanno diverse forme e altezze, alcune fino a cinque metri, i pinnacles appunto.

Vuoi visitare il Pinnacles Desert? Clicca su G+, ti porterà fortuna


COSA VUOI SAPERE?

 


The Pinnacles Desert: introduzione

Ci sono diverse leggende sull’origine di questi enormi massi.

Sembra siano stati adagiati sul terreno da qualche mano gigante; quale che sia la verità, costituiscono una delle attrazioni da non perdere per chi è in viaggio in Western Australia.

Continua a leggere fino al prossimo paragrafo per scoprire la leggenda di questo luogo!

Si tratta anche del maggior polo di attrazione di tutta la regione: ogni anno almento 250 mila persone le visitano.

Essendo un luogo che richiama un buon numero di turisti offre diverse soluzioni per pernottare, alcuni ristoranti/caffè e diversi tour organizzati.

Di cosa si tratta?

Le formazioni rocciose del Pinnacles Desert sono sparse in un’area di due km² e sono migliaia; differenti per forme, dimensioni e colore, a seconda dell’azione del vento e del materiale di cui sono composte, emergono da un oceano di sabbia sempre mutevole.

Le dune e valli del paesaggio cambiano ad ogni soffio d’aria, assumendo tonalità differenti a seconda del momento della giornata.

Il Pinnacles Desert si incendia ogni giorno con i colori dell’alba e del tramonto, regalando sfumature di rosso indimenticabili. Alla notte lo spettacolo è da guardare naso all’insù: una parata di stelle incredibile resa possibile dalla totale assenza di luci artificiali in loco e nelle immediate vicinanze.

Ma come si sono formate queste meraviglie della natura che puoi trovare solo in Western Australia? Tutto è iniziato con il deserto.

Come si sono formate?

Le grandi dune di sabbia sono state colpite da secoli di pioggia, pioggia che portava con sé delle particelle di calcio.

Penetrando attraverso la sabbia questo minerale ha creato uno strato di calcare soffice;il calcare altro non è che una roccia che nasce dal processo di sedimentazione dei composti di calcio. Su questo strato con il tempo sono nate delle piante.

A questo punto le ex dune di sabbia erano composte da tre livelli:

Con il passare dei millenni le piante sono morte a causa di un clima sempre più secco; il sottostante strato roccioso è cresciuto in altezza fino a creare i caratteristici pinnacoli che vediamo oggi.

Una formazione, quindi, del tutto naturale, che ha visto il contributo di vento, pioggia e calcio, insieme alla giusta quantità di tempo.

Al momento non è ancora chiaro quanti millenni sia durato questo processo: c’è chi sostiene abbia impiegato complessivamente oltre 500 mila anni, chi solo poche migliaia o decine di migliaia.

I pinnacoli sono un fenomeno naturale, creato dall’azione di vento, acqua e deserto.

 


The Pinnacles Desert: le origini mitiche

Naturalmente la conoscenza delle cause di questa creazione è abbastanza recente.

Per spiegare la presenza di queste strane rocce, il loro numero e la vastità dell’area in cui sono disseminate, gli aborigeni raccontano una storia diversa e molto più affascinante.

La versione aborigena

La leggenda narra che questa landa desertica era abitata dalla tribù Yuart.

Gli Yuart erano una tribù molto pacifica, che rispettava la terra e i suoi animali e viveva in armonia sia con la natura sia con le altre tribù.

I loro vicini, i Mulbarrn, erano però soliti sconfinare nel loro territorio per cacciare, rompendo quell’armonia che caratterizzava la vita degli Yuart; si racconta che ogni anno tutti i cacciatori che entravano nelle loro terre sparissero.

Non ce n’era più traccia.

Che fine facevano? I Signori del Tempo dei Sogni (o del Mondo dei Sogni, l’epoca che precede la creazione del mondo secondo la mitologia degli aborigeni) li uccidevano e al posto di ogni Mulbarrn morto sorgeva uno dei grandi pilastri di roccia ancora visibile oggi.

La versione europea

Gli europei che raggiunsero per primi quella zona, invece, pensavano che i pinnacoli fossero tutto quello che era rimasto di una città perduta.

Per primi arrivarono gli olandesi a metà Seicento. L’area rimase ben poco esplorata fino a tempi più recenti, nonostante sia stata inserita all’interno del Namburg National Park già dagli anni sessanta.

Le spiagge bianchissime sono tipiche di questa parte del Western Australia.

 


The Pinnacles Desert: come arrivare

Per raggiungere Cervantes, che è la città più vicina, ci sono tre possibili strade da Perth.

La più scenografica passa dalle Great Northern and Midlands Highways, attraversando le cittadine di Bindoon, New Norcia e Moora; si prosegue poi verso occidente prendendo la Brand Highway a Badgingarra.

Il punto più panoramico è solitamente verso la fine del viaggio, quando si raggiunge la Indian Ocean Drive. Si tratta di una strada costiera completata nel 2010 proprio con il tratto da Lancelin alla vecchia Pinnacles Desert Drive.

Il Pinnacles Desert può essere percorso in automobile su strade sterrate; caravan o camper, però, non sono ammessi e possono essere lasciati nell’apposito parcheggio.

L’ingresso ha un costo di 12 A$ a veicolo.

All’interno dell’area naturale non è permesso:

E’ assolutamente necessario avere con sè:

Gli stomatolotici sono i più antichi “fossili viventi”, che potrai vedere nel Lake Tethis, vicino al Pinnacles Desert.

 


The Pinnacles Desert: dove mangiare e dove dormire

Nella vicina cittadina di Cervantes ci sono alcuni punti di ristoro, come:

Per dormire ci sono alcune soluzioni, adatte a tutti i gusti e i budget. Qualche esempio:

 


The Pinnacles Desert: tour guidati e visite nei dintorni

Il punto di partenza di ogni visita, guidata o meno, è il Discovery Centre. 

E’ stato costruito per armonizzarsi con il panorama del Pinnacles Desert; con i suoi muri stand alone in roccia calcarea che richiamano i pinnacles stessi, propone un itinerario sensoriale per stimolare a usare tutti i sensi nell’esplorazione dell’area naturalistica.

Il deserto in sé, invece, si visita in auto o a piedi seguendo una pista sterrata lunga quattro km, aperta tutto l’anno e accessibile anche ad automobili da città (non è quindi necessario avere un 4×4).

È possibile anche decidere di lasciare l’auto in diversi punti del percorso per proseguire a piedi; in tutto il Pinnacles Loop dura un’ora.

Cosa fare e vedere vicino al Pinnacle Desert

Attorno al Pinnacles Desert ci sono poi diversi altri luoghi di interesse:

In realtà ci sono diversi punti panoramici lungo tutta la strada che collega il Thirsty Point con la Hansen Bay.

Per provare qualcosa di nuovo, a nord di Sandy Cape è possibile praticare il sandboard, una sorta di snowboard sulle dune sabbiose.

Un particolare di uno dei pinnacles, che attirano ogni anno 250 mila turisti.

 


Ti piacerebbe scoprire luoghi estremi e vivere un’esperienza nel cuore di un incredibile deserto? Non perdere allora l’occasione di un viaggio in Australia, che offre, oltre al Pinnacles Desert, tantissimi altri posti che non hanno uguali al mondo!

Il Western Australia, come ti spiego anche in questo articolo e in quest’altro, è una destinazione perfetta per chi ama il contatto diretto con la natura. Pieno di parchi naturali e aree protette, offre cave sotterranee, laghi e parchi marini, formazioni rocciose, megaliti, cascate, aree desertiche e tanto altro ancora.

Ci sono diversi centri abitati, ma, oltre Perth e Albany, sono tutti di piccole dimensioni; sono utili per fare rifornimento o dormire una notte, per poi ripartire per la successiva avventura.

Un viaggio in questi luoghi è sicuramente una delle esperienze più forti che tu possa fare nella vita. Cosa ti serve? innanzitutto un visto per entrare nel Paese, che sia come turista (Visitor visa) o come backpacker (il Working Holiday visa è il più usato fino ai 30 anni).

Cosa possiamo fare per te

Avrai bisogno di punti di riferimento, che siano temporanei se sei solo in visita o più strutturati se rimani a lungo (città in cui vivere, alloggio, corso di inglese/professionale, lavoro, conto in banca, Sim australiana e così via).

Portale Australia è il tuo punto di partenza; offriamo informazioni, consigli, pacchetti speciali con diversi servizi inclusi, orientamento verso la scuola e il lavoro e tanto altro.

Per conoscerci e provare i nostri servizi contattaci.