Lavorare in Australia : le domande del colloquio parte 8

Lo abbiamo già detto, il colloquio non è certo il luogo ideale per conoscere a fondo qualcuno, tuttavia il vostro intervistatore ha bisogno di capire il più possibile chi si trova davanti e per questa ragione potrebbe farvi diverse domande sul vostro passato lavorativo. Quindi se vi trovate a dover affrontare un colloquio in Australia rinfrescate la memoria sulle vostre precedenti esperienze tanto nei loro aspetti positivi quanto in quelli negativi poiché questo potrebbe tornarvi utile. Vediamo in che modo presentando alcune delle domande cui vi potrebbe capitare di rispondere.

30. Cosa ti piaceva del tuo precedente lavoro e cosa non ti piaceva?

(What did you like or dislike about your previous job?)

Rispondendo a questa domanda cercate di non essere troppo negativi. Non vorrete mica far pensare al vostro futuro ipotetico capo che se sarete assunti parlerete male del vostro nuovo lavoro quando sarete pronti ad andarvene? Piuttosto ha senso ancora una volta parlare di voi e di cosa siete alla ricerca nel vostro nuovo lavoro. Ecco come potreste rispondere in modo da far capire all’intervistatore che la vostra passata esperienza è stata importante e interessante ma che ora avete bisogno di nuovi spazi e la posizione aperta nella sua azienda è esattamente ciò che fa per voi.

Imparare a rispondere sul lavoro passato

–       “Mi piacevano le persone con cui lavoravo, c’era un ambiente amichevole e un’atmosfera divertente quindi mi alzavo col sorriso ogni mattina perché andare a lavoro era un piacere. Anche i dirigenti erano eccezionali: conoscevano tutti i loro impiegati per nome e cercavano di creare rapporti personali. Mi piaceva molto anche il fatto che l’ufficio tentasse di creare un rapporto di collaborazione con le organizzazioni locali”;

–       “Una delle ragioni per cui ho deciso di andarmene è che il lavoro non presentava più abbastanza sfide per me. Come neo-assunto nel mondo del lavoro, la compagnia mi ha offerto una grande opportunità con un buon livello per la posizione di entrata. Tuttavia dopo molti anni nello stesso luogo mi sono reso conto che non potevo sfruttare al massimo il mio potenziale sia perché l’impiego non presentava ulteriori sfide sia perché nell’azienda non c’era possibilità di carriera. Certo mi piaceva lavorare lì e apprezzo molto le abilità acquisite lavorando nella società ma ritengo comunque che il mio pacchetto di competenze potrebbe essere sfruttato più a fondo in un altro luogo dove le mie capacità vengano riconosciute e ci sia un’opportunità di crescita”;

–       ” Le persone con cui ho lavorato alla ABC erano il massimo nel loro settore. Grazie alla mia esperienza lì ho imparato molte cose sui diversi stili di management e sulle strategie per mantenere attiva la cooperazione nella strutturazione di un progetto in cui è coinvolto un ampio numero di persone. Anche se mi rendo conto di quanto sia stata preziosa l’esperienza che ho fatto, sono ansiosa di lavorare su progetti più specialistici dove poter aver l’opportunità di essere più di una leader”;

–       “Anche se le persone con cui ho lavorato alla XXX erano dei formidabili colleghi, sentivo che le opportunità per me erano limitate per via della struttura e delle dimensioni della compagnia. Credo che una compagnia più grande, presente sul mercato internazionale, potrebbe offrirmi più sfide e opportunità assolutamente impensabili per una società di piccole dimensioni. La posizione aperta nella nostra azienda richiede esattamente le abilità cha ho sviluppato io e credo che sarei un ottimo acquisto per la vostra sezione marketing”.

31. Cosa ti aspetti dal tuo superiore?

(What do you expect from a supervisor?)

Anche se questa domanda è rivolta al prossimo ipotetico lavoro, nulla vi vieta di fare appello alle vostre precedenti esperienze per rispondere. Magari avendo sempre un occhio di riguardo nel porre l’accento sugli aspetti positivi dei supervisori che vi sono capitati in passato. Possiamo suggerirvi alcuni esempi diplomatici, utili per trovare la vostra risposta a questa domanda:

– “Apprezzo un ambiente di lavoro nel quale il supervisore cerchi di creare un rapporto personale con i propri impiegati”;

– “Nel mio ultimo lavoro ho apprezzato il fatto che la direzione non mostrasse favoritismi, fosse in ascolto delle necessità degli impiegati e consapevole delle loro forze. Certamente per capire queste cose ci vuole tempo ma in ogni caso apprezzo un supervisore che tenti di conoscermi in questa maniera”;

     – “Mi piacerebbe sentirmi libero di andare dal mio capo e sottoporgli una mia idea        o fargli una proposta. Mi aspetterei anche che il mio supervisore fosse onesto con me e mi dicesse se c’è qualcosa che posso fare per migliorare il mio lavoro o anche solo se posso svolgere meglio un compito utilizzando un metodo differente.

32. Cosa hai imparato dai tuoi errori?

(What have you learned from your mistakes?)

Il modo migliore per rispondere in maniera vantaggiosa per voi a questa domanda è fare qualche esempio di una cosa negativa, un errore appunto, che si è trasformato in un’acquisizione positiva. Tutti fanno degli errori, capita, è umano, perciò è bene che li condividiate con il vostro intervistatore durante il colloquio mentre sottolineate che dagli sbagli avete sempre imparato qualcosa.

Dal negativo al positivo

Ecco come potreste rispondere a una simile domanda traendo il massimo rendimento per la buona riuscita del vostro colloquio:

– “Credo che una delle cose più importanti che ho imparato sia la persistenza, il non rinunciare subito perché magari la soluzione è proprio lì davanti a me solo che io ancora non riesco a vederla”;

– “Ho imparato a dare alle persone una seconda chance perché la prima impressione può essere spesso fuorviante”;

– “Credevo ci fosse un’unica, eccellente soluzione per un problema ma ho capito che questo modo di pensare limita notevolmente le possibilità di un conseguire un grande successo”.

Come avrete notato dagli esempi di risposta che vi abbiamo proposto è bene non menzionare in maniera esplicita, se possibile, il vostro errore, è meglio piuttosto lasciarlo sottinteso e farlo trapelare dalle pieghe del vostro discorso tanto da farlo sembrare quasi cancellato data l’importanza della lezione che avete appreso. È buona norma evitare di fare esempi di errori che potrebbero essere di ostacolo al raggiungimento del successo nella posizione per cui siete in lizza, quindi, ove richiesti, cercate di portare casi che non abbiano connessioni dirette con i requisiti necessari per quel ruolo. Non dimenticatevi di sottolineare tutti i provvedimenti che avete preso affinché i vostri errori non si ripetano più.

34. Quale aspetto ti interessa di questo lavoro?

(What interests you about this job?)

Come per altre domande, il miglior modo per rispondere a questo quesito è descrivere le capacità richieste nell’annuncio di lavoro e collegarle alle vostre personali abilità ed esperienze. In questo modo il vostro intervistatore capirà che siete ben informati sul lavoro per cui state sostenendo il colloquio, e non tutti lo sono, e che avete le qualità necessarie per ricoprire la posizione aperta. Ad esempio se state sostenendo un colloquio per un ruolo di manager delle risorse umane in cui sarete responsabili dell’assunzione, dell’orientamento e della formazione, sarebbe opportuno discutere di come in passato avete dimostrato tutto il vostro senso di responsabilità svolgendo simili compiti e di come sareste contenti di ampliare la vostra esperienza nel settore della gestione delle risorse umane. Se invece state concorrendo per un posto da analista programmatore potreste sottolineare il vostro interesse nel conoscere le nuove tecnologie, la vostra esperienza nel programmare nuove applicazioni e la vostra abilità nel problem solving. Così riuscirete a conciliare l’entusiasmo per l’opportunità offertavi dal colloquio con la solida consapevolezza di avere tutte le abilità per svolgere il lavoro proposto.

Post del forum consigliati

Recommended Posts
Showing 2 comments
  • ajvaz

    ciao mi chiamo ajvaz sono un saldatore vorrei lavorare nelle miniere a chi mi dovrei rivolgere?io ora sto in italia ho finito il ritornare lì vorrei iniziare dalle miniere.grazie attendo vostre risposte

  • eduard

    ciao sono eduard e cerco lavoro come – autista – b.c.d.e carpentiere decoratore , fagleniame

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

organizzare-un-lavoroprogrammatore-informatico-australia