Come fare un blog

Vorresti iniziare a scrivere un blog, ma non hai la minima idea da dove iniziare?

Questa guida te lo spiegherà passo dopo passo, per darti un aiuto veloce e molto valido, senza bisogno di imparare nulla di astruso, come l’HTML, e  anche senza dover perdere il tuo tempo con dei tutorial lunghi e noiosi. Ho pensato di scrivere quest’articolo, forse più una breve guida,  per cercare di aiutarti nell’evitare gli errori più comuni che la gente compie quando si avvicina per la prima volta al blogging. E allora iniziamo a scoprire come fare un blog nel modo migliore.

 


 

Lancia il tuo blog online

LANCIA-IL-TUO-BLOG-ONLINENon ci vuole molto. In breve: scegli una piattaforma per blog, per esempio WordPress. Scegli il nome del dominio e il Web Hosting, uno su tutti SiteGround!

Personalizza e cura l’aspetto del tuo blog. Ci sono molti modi semplici e veloci affinché il tuo blog appaia così come desideri. Scrivi degli articoli per il blog e riempi le pagine. Aggiungi contenuti sempre nuovi al tuo blog ( Potrebbero essere articoli, pagine, immagini e così via) … e poi? Una volta che avrai impostato il tuo blog, è importante invogliare nuovi lettori a visitare il tuo sito e i vecchi visitatori a ritornarci.

Non ti scoraggiare proprio ora. Se hai cercato “come fare un blog”, è arrivato il momento di crearne uno, non credi? Pronto? Iniziamo.

Scegli la piattaforma che meglio si adatta alle tue esigenze.

Prima di tutto, ci sono molte piattaforme diverse: WordPress, Tumbir, Blogger e molte altre. Tuttavia, dato che ci sono più di 72 milioni di utenti attivi solo su WordPress al momento, è chiaro quale sia la piattaforma che la fa da padrona. Tutti i miei siti e blog girano su WordPress, e ora te ne spiego il motivo:

  • È gratuito
  • È molto semplice da impostare
  • È sicuro: WordPress aggiorna praticamente di continuo il proprio software e ciò permette di tenere tutto sempre al sicuro. Utilizzando questa piattaforma, è molto raro vedere il proprio sito sotto attacco hacker. Non c’è da stupirsi dunque, se la NASA, la Sony e i blog delle università maggiori utilizzano WordPress.
  • Ci sono centinaia di temi gratuiti e plugin che possono aggiungere moltissime funzionalità al tuo blog, dal form dei contatti alle estensioni per migliorare la performance del blog.

Nonostante  tutte le altre piattaforme per blog siano generalmente molto interessanti e carine, nessuna, secondo la mia opinione, ha nulla a che vedere con la libertà e la possibilità di personalizzazione che offre WordPress. Perciò, senza dubbio,  io continuerò ad utilizzare WordPress.

Coraggio! In questo momento non hai bisogno di installare o scaricare nulla – tra poco ti mostrerò come fare, ma prima vediamo perché le piattaforme per blog gratuite sono da scartare.

Pensaci un po’ – conosci qualche blogger di successo che usa un sito per il blogging gratuito piuttosto che possedere un nome di dominio proprio (tipo www.portaleaustralia.com, per fare un esempio).

Non è solo questo – le piattaforme di blogging gratuite hanno diversi problemi

Non hai pieno controllo dei tuoi contenuti – mentre lo ha la piattaforma. Potrebbero disattivare il tuo blog in ogni momento, e per qualunque ragione.

L’indirizzo web del tuo blog sarebbe troppo lungo e difficile da ricordare (per esempio iltuobloggratuito.blogspot.com) piuttosto di un indirizzo brandizzato e facile da ricordare per chiunque di tua scelta.

Non ti è permesso fare pubblicità sulla maggior parte di piattaforme gratuite, rendendo molto difficile la possibilità di guadagnare attraverso il tuo blog.

Ovviamente, se non hai particolare interesse a guadagnare con il tuo blog o se non sei sicuro che esso possa avere successo, scegli una piattaforma gratuita per iniziare. Son un buon modo per iniziare a fare blogging, almeno all’inizio.

Ma, se quello che cerchi è un blog che sia bello da vedere, in grado di costruire un pubblico e diventare redditizio, hai bisogno di un tuo blog personale assolutamente, con un nome del dominio personalizzato e con il tuo hosting, come ti dicevo prima, ti vonsiglio vivamente SiteGround. In questo modo sei tu a dettare le regole e puoi controllare appieno il contenuto.

Se fossi in te, io inizierei con un blog su un nome di dominio di mia proprietà sin dal primo giorno. Impostare un blog in questo modo è più semplice, impiegherai al massimo 20 minuti e sarà anche meno caro di quello che pensi.


 

Trovare il nome del dominio e il web hosting provider

NOME-DEL-DOMINIOOra è arrivata la parte più eccitante. Per impostare un blog ospitato sul tuo nome di dominio, avrai bisogno di due cose:

Il nome di dominio – questo sarà l’indirizzo del tuo blog personale, dove le persone ti troveranno ogni volta, per esempio il dominio di Portale Australia è wwwportaleaustralia.com. Il nome di dominio del tuo nuovo blog sarà www.iltuonuovoblog.it, ovviamente al posto de  iltuonuovoblog andrà il nome di dominio che sceglierai. Il costo del dominio è veramente irrisorio e si aggira tra i 9 e i 20 euro per un pacchetto minimo, a seconda del provider.

Web hosting – Questa sarà invece, la casa del tuo indirizzo del blog e del contenuto che sarà su di esso. Senza web hosting, non riuscirai ad usare il tuo dominio. Pensa a lui come ad un hard disk del computer che conserva tutto il tuo contenuto che produci con il pc. Il costo del web hosting è anche questo abbastanza irrisorio e si aggira dai 5 euro al mese ad altre tariffe annuali, ma se ti aspetti di ricevere molte visite e comunque vuoi un sito altamente performante, la tua scelta deve assolutamente ricadere su SiteGround.

Se ci pensi, è un costo davvero minimo, perciò l’acquisto non ti manderà in bancarotta, ma è piuttosto un investimento importante per il successo del tuo blog.


 

Dove dovrei acquistare il mio nome di dominio e lo spazio?

Quando si tratta di hosting, ci sono solo due cose che contano davvero, e sono:

  • Velocità di caricamento della pagina – la media del tempo (in secondi) impiegato dal tuo blog per caricare.
  • Up time (tempo di funzionamento) – il 99,9% non è abbastanza (significa che al mese il tuo blog avrà problemi per 42 minuti). Devi puntare al 100%.

Ci sono centinaia di provider diversi, quello che realmente mi sta dando soddisfazioni e aumenti vertiginosi di visite si chiama SiteGround. Tutti offrono un servizio simile (dominio e hosting) con prezzi che si assomigliano, ma ci sono nette differenze che dovrebbero portarti a preferirne uno, e tutte riconducono alla qualità del servizio che offrono. Non tutti infatti, possono garantirti realmente un’ottima qualità.

Ci sono provider che hanno davvero una performance incredibile, e al tempo stesso sono facili da usare e sono la scelta migliore in particolare per chi è alle prime armi.


 

Impostare un blog – sul tuo nome di dominio

Se tu che stai leggendo non hai ancora un hosting o un dominio, non ti preoccupare. Alla fine di questo paragrafo, dovresti essere in grado di lavorare con un blog WordPress self-hosted e sul tuo nome di dominio.

C’è da dire che non c’è tanta differenza tra i vari provider per impostare un blog o un sito che sia, perciò non ti spaventare. Basterà seguire le indicazioni che ti darò io e quelle che troverai sul sito del provider.

Facciamo un esempio con Altervista. Vai su Altervista e quindi clicca su Crea blog

Scegli un nome di dominio per il tuo blog. Hai già un nome di dominio? Basta spuntare la casella apposita (Sono già in possesso di questo dominio) e passare così al passo successivo, scrollando leggermente la pagina.


 

Come fare per scegliere un nome di dominio efficace?

NOME-DI-DOMINIOScegliere un nome di dominio sbagliato è uno degli errori più comuni tra i blogger. Assicurati che stia scegliendo un nome di dominio che sia:

  • Facile da ricordare – non scegliere un nome senza senso, difficile da pronunciare o un nome molto lungo pieno di trattini. Per esempio il-miglior-blog-sugli-animali.it non entrerà mai facilmente nella testa dei lettori, ma qualcosa come www.lacasadeglianimali.it sarà perfetto.
  • Originale e descrittivo – dovresti pensare ad un nome che sia in grado di riflettere chi tu sei realmente e di che cosa ti occupi. Sii creativo e costruisci un’identità in grado di entusiasmare ed entusiasmarti.
  • In grado di trasmettere fiducia – le estensioni di dominio come .it, .com, .org o .net sono le più comuni. Con .it e .com sarà più semplice essere riconosciuti e ricordati dalle persone. Cerca di evitare invece, estensioni un po’ insolite come .rocks o .biz, che sono molto poco comuni, difficili da ricordare ed ispirano poca fiducia.

Una volta scelto il nome di dominio che vorresti usare, inseriscilo nella casella preposta, e quindi procedi. Se il nome da te scelto sarà disponibile, avrai la possibilità di rilevarlo. In caso contrario, dovrai pensarne uno diverso. Se il nome che desideri non fosse disponibile, solitamente ti verranno consigliate delle alternative simili – oppure potresti provare con un nome diverso che ti viene in mente.

Scegli il piano di hosting migliore per il tuo blog. Consiglierei di iniziare con piani non troppo elaborati, tanto comunque avrai la possibilità di aggiornarlo in seguito, nel caso in cui ti rendessi conto di aver bisogno di caratteristiche più avanzate, ad esempio su SiteGround, hai tre diversi piani di Hosting per cominciare.


 

Completa la tua registrazione

Una volta che avrai scelto il tuo piano, avrai trovato il nome che preferisci e questo sarà disponibile, avrai bisogno di registrarlo inserendo i tuoi dati e le informazioni sulle modalità di pagamento che preferirai. In alcuni casi avrai anche la possibilità di personalizzare un po’ il tuo pacchetto. Per esempio, potrai conservare dei cent da trasformare in denaro o altro.

Un paio di suggerimenti:

  • Il Domain privacy Protection (DPP) nasconde le tue informazioni di registrazione nel database di whois, un database mondiale al quale può avere accesso chiunque. Te lo raccomando, se vuoi fare in modo di rimanere anonimo, altrimenti togli la spunta nella casella di riferimento, per risparmiare qualcosina.
  • Non disattivare le altre voci (Site backup, Contatto costante e SiteLock Security), perché sono servizi che non costano molto. Inoltre potrai sempre aggiungerne di altri in seguito.

Entra nel tuo nuovo account e installa il tuo blog WordPress. Potrebbero volerci un paio di minuti per registrare il tuo account, perciò servirà un po’ di pazienza. Dovresti ricevere un’email di conferma quando il tuo account sarà pronto.

Una volta che ti sarai loggato nel pannello di controllo (tutte le informazioni che ti serviranno dovrebbero essere nella tua casella di posta), sarà il momento di installare WordPress. Per fortuna basterà un click.

  • Loggarsi nel panello di controllo del tuo hosting provider. Cercare più o meno ad altezza della metà della pagina nella sezione laterale a sinistra
  • Cliccare su “installa WordPress

Una volta cliccato, sarai automaticamente trasferito in una pagina dove sarai invitato a cliccare su “Installa” o “Importa” WordPress. A questo punto clicca su installa per passare alla fase successiva.

Quando avrai finito, vedrai una barra di caricamento in alto nella tua pagina che eventualmente ti dirà che il tuo blog WordPress è stato installato ed appariranno le tue credenziali di accesso.


 

Fai il login e avvia il tuo nuovo blog

Una volta che l’installazione sarà completata, riceverai un email che ti sarà tutte le informazioni di accesso, incluso un “URL di amministrazione”.

Per loggarti nel tuo blog, clicca sull’URL di amministrazione. Se dimenticassi questo URL, è molto semplice, sarà infatti www.iltuoblog.com/wp-admin (ovviamente al posto de “il tuo blog” dovrai mettere il tuo nome di dominio).

Congratulazioni – a questo punto avrai installato WordPress e impostato il tuo blog. Hai fatto tutto da solo! Come puoi vedere è tutto molto semplice e veloce.


 

Configura,  personalizza e modifica il tuo blog

In questa sezione, ti mostrerò alcuni elementi basilari di un blog WordPress, tra cui:

  • Prendere confidenza con il pannello di WordPress
  • Cambiare l’aspetto del tuo blog
  • Installare nuovi plugin e strumenti
  • Rendere il tuo blog adatto ad essere ricercato sui motori di ricerca

Se hai già impostato il tuo blog, ora sei pronto ad usare WordPress e personalizzare il tuo portale. Vedrai, sarà divertente e anche molto semplice.

Ricorda: puoi loggarti nel tuo blog andando all’indirizzo www.iltuosito.com/wp-admin/ e usando le credenziali necessarie per accedervi.


 

Comprendere il pannello di WordPress

Quando ti loggherai per la prima volta, vedrai una dashboard o un pannello di amministrazione.

A questo punto facciamo una piccola pausa per approfondire qualche termine che potrebbe essere utile a un neofita nel mondo dei blog.

Dashboard: ti offre una panoramica veloce inerente la tua attività recente, che include il numero dei post, dei commenti e delle pagine presenti sul tuo blog. In questa sezione puoi anche scrivere una bozza di post futuri– ma non è obbligatorio – ti mostrerò meglio più avanti come fare.

Articoli  o Post: è dove dovrai cliccare per aggiungere un nuovo articolo al tuo blog, o anche per modificarne uno esistente.

Media: è la libreria dove sono contenuti tutti i video, le foto e i file audio che hai caricato in passato sul blog.  Da qui potrai gestire tutti i contenuti non testuali.

Pagine: è dove puoi aggiungere una nuova pagina permanente – come una pagina servizi o contatti (non un post del blog!) e  sempre da qui potrete gestire tutte le pagine che avete già creato.

Commenti: è la sezione da dove potrai tenere sotto controllo e monitorare tutti i commenti. Qui potrai controllare quali commenti sono in attesa di approvazione, rivedere i commenti che hai approvato, controllare quali commenti WordPress ha etichettato come indesiderati o spam e cancellare i commenti che non vuoi  che compaiano sul blog.

Aspetto: da qui potrai editare l’aspetto del blog, installando nuovi temi e layout. Tra poco ti mostrerò come fare.

Plugins: è dove cliccherai quando vorrai installare un nuovo plugin, come una galleria di foto o altri strumenti SEO. Tra poco ti mostrerò come fare anche questo.

Settings: è l’ultima sezione che devi conoscere, almeno per muovere i primi passi con efficacia. Qui puoi cambiare il titolo e la tagline del sito, editare il tuo indirizzo email e gestire tutte le impostazioni più importanti del tuo sito.


 

Cambiare il design del tuo blog (Temi & Layout)

La piattaforma di blogging WordPress usa templates chiamati “Temi” , che hanno delle anteprime e ti permettono di visionare l’aspetto che avrebbe il tuo sito attivando un determinato modello.  Cambiare l’aspetto del layout sarà semplice come installare un nuovo tema.

Ci sono più di 2000 temi realizzati professionalmente, altamente personalizzabili e gratuiti tra cui scegliere – perciò avrai una marea di opzioni, ma, se sei curioso di vedere dei templates a pagamento, puoi andare su Themeforest.net. Vediamo allora come trovare ed installare il tema che preferisci.

Passa il mouse su “Aspetto” nel pannello WordPress, e quindi clicca su “Temi”. Sulla schermata successiva, vedrai diversi temi già installati. Se non ti piacciono, clicca sul bottone “Aggiungi nuovo” nella parte alta, o sul quadrato più grande sempre con la scritta “Aggiungi nuovo” per iniziare a la ricerca di un tema.

A questo punto dovresti vedere delle tab dove troverai temi nuovi, popolari e con varie caratteristiche, e potrai anche usare il filtro per fare una ricerca in base alle caratteristiche. Personalmente trovo molto utile il filtro, perchè si possono scegliere temi in base ad alcuni schemi di colore, selezionare layout specifici, o ancora scegliere temi con delle caratteristiche molto avanzate.

Basterà scegliere le opzioni che desideri e quindi cliccare su “Applica filtro” sulla sinistra. Se vorrai cercare il tema più adatto, utilizzando questo strumento, ti basterà scegliere la parola chiave più adatta, e non potrai commettere alcun errore!

Quando avrai trovato il tema che preferisci, clicca su “Installa”. A questo punto hai quasi finito!

Una volta che il tema sarà stato installato, tutto ciò che dovrai fare è cliccare  su “Attiva”,che comparirà  nella schermata successiva.


 

Installare un nuovo Plugin

(per aggiungere alcune caratteristiche particolari al tuo blog)

I “Plugin” sono piccoli moduli di software che puoi installare per aggiungere caratteristiche e strumenti al tuo blog. Potrebbero essere utili per esempio, ad aggiungere form per i contatti, ridurre lo spam tra i commenti, rendere il tuo blog SEO-friendly, creare form per l’iscrizione alla newsletter, aggiungere gallerie di foto e tanto altro ancora.

Installarli è molto semplice. Prima di tutto, basterà passare il mouse sulla voce “Plugin” nel pannello iniziale e quindi su “Aggiungi nuovo”. Ora, puoi effettuare una ricerca utilizzando le parole chiave per trovare i plugin per qualsiasi cosa. Quando troverai il plugin che vorrai, basterà un click su “Installa” e quindi su “Attiva plugin” sulla pagina seguente.

Fai attenzione. Prima di installare qualsiasi plugin, potrebbe essere una buona idea cercare su Google il nome del plugin e le eventuali recensioni. In alcuni casi, ci sono dei plugin che possono danneggiare il tema, causare problemi con la sicurezza o semplicemente essere lenti, perciò è sempre meglio cercare una seconda opinione prima di fare qualsiasi cosa. Inoltre, assicurati che i plugin e i temi siano sempre aggiornati. Non ti preoccupare, non è una cosa complicata. WordPress di solito comunica quando alcuni di questi non sono aggiornati.


 

Configurare il tuo blog rendendolo SEO friendly

Ci sono alcune cose che dovrai fare per rendere il tuo blog idoneo per i motori di ricerca. I motori di ricerca infatti, non amano due cose.

Innanzitutto, gli URL complessi e poco attraenti come per esempio,  https://iltuoblog.it/2015/04/topic-g/auhtor-Antonino/comefareunblog. Sarebbe molto meglio un link del tipo https://iltuoblog/comefareunblog .

Noti la differenza? Il primo è pieno di informazioni non necessarie, mentre il secondo è breve, chiaro e conciso.

Per modificare i tuoi link rendendoli più agevoli, clicca su “Impostazioni”, poi “Permalinks” e imposta i permalink.

Un’altra cosa che i motori di ricerca odiano sono i commenti spam. Sfortunatamente ed inevitabilmente, molte persone cercheranno di lasciare commenti automatici e spam sul tuo blog. In genere lo fanno per due ragioni principali. Una è quella di spostare le persone dal tuo al loro blog, la seconda è quella di pubblicizzare i loro servizi o prodotti. Per evitare ciò, assicurati di moderare i commenti. Vai in “Impostazioni”, poi in “Discussioni” e clicca sulle due opzioni:  Disattiva i commenti spam e Modera i commenti prima della pubblicazione.


 

Gestire le tue informazioni

Se non cambiassi mai i tuoi dettagli, la password o alter informazioni personali sarà facile che qualcuno possa essere in grado di violare il tuo account ed accedere al pannello del tuo blog. Per questo, potrebbe rivelarsi molto utile conoscere come gestire i tuoi dettagli personali. Per gestire gli utenti, invece,  passa il mouse su “Utenti” e quindi apri il menù  con il tasto destro.

Aggiungere un nuovo utente. Clicca sul collegamento “Aggiungi nuovo” nella sezione dedicata agli utenti del menù. A questo punto dovrai inserire tutti i dettagli dell’utente che vuoi aggiungere, compresa la password che dovrai ricordarti di condividere con la persona. Hai la possibilità di inviarla tramite email cliccando sull’opzione, ma questo non è sempre un metodo sicuro.

Attenzione: il ruolo che sceglierai dal menù a tendina determinerà ciò che sarà abilitato a compiere il nuovo utente.

Sostenitore: è autorizzato solo a gestire il proprio profilo – non può aggiungere o aggiornare il contenuto.

Amministratore: può accedere a tutte le opzioni per l’amministrazione – facendo cambiamenti o aggiungendo nuovi utenti.

Editor: può pubblicare e gestire gli articoli – incluso i post degli altri autori.

Non dare l’accesso a chiunque se non necessario!


 

Aggiungere/Scrivere articoli e pagine al blog

A questo punto dovresti essere in grado di gestire in pieno un blog in WordPress sul tuo nome di dominio personale. Dovresti anche essere in grado ormai di scegliere un tema personalizzato per il tuo blog che si adatti al meglio al contenuto. Congratulazioni – hai fatto tantissimi passi avanti e hai fatto tutto molto in fretta!

Siamo quindi arrivati alle battute finali. Ti mostrerò come scrivere il tuo primo blog e ti darò alcuni consigli per scrivere articoli per il blog efficienti.

In questa sezione ti mostrerò infatti, come scrivere un post direttamente da WordPress, come aggiungere immagini, link e formattare il testo, alcuni consigli rapidi e trucchetti per scrivere un contenuto interessante e che faccia presa sul pubblico.


 

Usare WordPress per fare blogging

Aggiungere un Nuovo Articolo. Per aggiungere un nuovo articolo sul blog, scegli “Articoli” nella barra laterale a sinistra, nel menù che si aprirà vai su “Aggiungi nuovo”.

Nella schermata successiva potrai aggiungere il titolo del tuo articolo nel campo in alto, e, leggermente più in basso nella casella più grande sotto a quella del titolo, il contenuto.

Dopo aver scritto quello che desideri potrai salvarne una bozza, oppure potrai pubblicare il tuo contenuto, usando le opzioni che troverai nel menù presente nella casella sulla destra. Puoi anche scegliere di programmare il post, per far sì che venga pubblicato successivamente  – oppure puoi rendere il post privato in modo che solo gli amici potranno visionarlo.

Una volta pubblicato, potrai trovare il nuovo articolo nella sezione “Tutti gli articoli” nella tabella che si aprirà cliccando su Articoli. E in questo modo potrai rieditarlo ogni volta che vorrai.

A questo punto è giunto il momento di dare uno sguardo veloce ad alcune funzioni che potrebbero tornarti molto utili.


 

Aggiungere le immagini

Per aggiungere un’immagine ad un articolo, clicca su “Aggiungi Media”, il bottone che si trova leggermente più in basso rispetto al campo del contenuto.

Consiglio: prima di cliccare su “Aggiungi Media”, assicurati di aver lasciato il cursore attivo nell’articolo proprio nel punto dove vorresti che comparisse l’immagine. Ma, in ogni caso, non preoccuparti, perché potrai sempre spostarla in seguito. A questo punto clicca sul pulsante “Carica File” che comparirà nel pop up sulla schermata, e quindi su “Seleziona file

Una volta che avrai trovato il file che ti interessa, con un doppio clic avvierai automaticamente il suo caricamento su WordPress.

Quando il caricamento sarà terminato, assicurati che l’immagine che intendi inserire nell’articolo sia selezionata, e quindi clicca su “Inserisci nell’articolo” per aggiungere l’immagine al post che stai scrivendo.


 

Aggiungere link

Linkare altri siti web è un buon modo per creare relazioni e condividere contenuti interessanti. Per aggiungere un link, clicca sull’icona nella toolbar che assomiglia ad una graffetta.

Nel box che comparirà, dovrai aggiungere un paio di informazioni importanti. L’URL è l’indirizzo web del link che vuoi condividere. Assicurati di includere anche https:// prima del www. e dell’indirizzo, altrimenti il link risulterà danneggiato.

Testo visualizzato è il testo che vorresti che le persone vedessero, sul quale poter cliccare per aprire il link. Per farti un esempio di testo, potrebbe essere il “Clicca qui”, o qualsiasi altra potresti scegliere.

Apri link in una nuova finestra – è una buona idea scegliere questa opzione. Altrimenti, se qualcuno cliccasse sul link, abbandonerebbe il tuo blog.

Se hai intenzione di linkare un testo ad una pagina esistente già sul blog, puoi usare la sezione “cerca” per trovare un post o una pagina che hai creato in precedenza, e quindi poi cliccarla per aggiungere il link.

Infine, ti basterà cliccare su “Aggiungi link”, e il tuo link sarà aggiunto nella parte di testo, dove avrai lasciato attivo il cursore prima di lasciare la pagina dove stavi scrivendo.


 

Aggiungere titoli ed editare il testo

È una buona idea usare gli headers e il grassetto per rendere il tuo testo più agevole alla lettura e creare dei punti di riferimento per il lettore.

Aggiungere gli Headings. Per aggiungere un heading, clicca sul menù a tendina all’estrema sinistra della toolbar.

Prova ad usare una volta sola l’”Heading 1”sulla tua pagina (di solito all’inizio dell’articolo), e usa gli “Heading 2” e “Heading 3” per le altre sezioni nel testo. In questo modo il testo verrà formattato in maniera più agevole per i motori di ricerca.

Consiglio: Puoi anche mettere in evidenza una parte di testo che vuoi cambiare nel tuo articolo, e dopo cliccare sul menù a tendina e selezionare il formato che desideri per il tuo testo.


 

Font per l’impaginazione

Puoi anche mettere il tuo testo in grassetto, in corsivo, sottolinearlo o persino cambiare colore con un clic o al massimo due.

La “B” sta per bolding, quindi il grassetto.

La  “I” indica italics, quindi corsivo.

La “U”, o adesso a volte anche la S sottolineata, serve per sottolineare il testo.

La “A” aprirà un menù a tendina da dove potrai selezionare il colore che desideri.

Da come puoi vedere, è davvero semplicissimo, ti sembrerà di lavorare su Microsoft Word.


 

Consigli veloci di scrittura

Lo so, lo so, sei impaziente e non vedi l’ora di iniziare a scrivere, giusto?

Ho ancora un po’ di consigli che potrei condividere con te, tra cui qualche dritta per promuovere il tuo blog e guadagnare denaro grazie al tuo portale, ma al momento credo che basti darti qualche suggerimento veloce per poi buttarti a capofitto nella scrittura.

  • Il titolo è molto importante, forse la parte più importante – I titoli dovrebbero essere in assoluto la parte fondamentale di un blog, perché sono in grado di attirare e creare interesse nelle persone su ciò che hai da dire. scegli un titolo breve, attraente, descrittivo ed intrigante – e non ti preoccupare di testare un nuovo titolo, se il primo che hai scelto non sta dando i risultati sperati.
  • Prova a dividere il testo in paragrafi e ogni paragrafo fai in modo che sia composto da 3 o 4 frasi. Più un testo appare compatto e pesante, maggiore sarà la possibilità che le persone possano abbandonare l’idea di leggerlo tutto.
  • Usa gli headers, gli elenchi e il grassetto per rendere il tuo articolo facile da leggere e facile da analizzare dagli algoritmi dei motori di ricerca. Le persone hanno poca pazienza e preferiscono “aggredire” il contenuto, andando direttamente alla ricerca di ciò che gli interessa, estrapolando le informazioni importanti. E allora, lasciali divorare i tuoi articoli. Se gli piacerà quello che leggono, stai pur certo che troneranno presto sul tuo blog.
  • Usa le immagini per attirare l’attenzione – soprattutto all’inizio del tuo post. Le immagini aggiungono un tocco in più capace di generare interesse per un articolo e al tempo stesso spezzettano un testo che potrebbe invece essere troppo compatto e di conseguenza noioso dal punto di vista dell’aspetto.
  • Edita sempre. Nessuno è perfetto. Non mi stupirei se tu, leggendo questo articolo lunghissimo, avessi  notato qualche refuse o qualche svista: capita a tutti, potrebbe capitare sempre). Per evitare o ridurre al minimo le possibilità di errore, leggi, rileggi e leggi di nuovo, per cercare di correggere possibili errori, o parti un po’ confusionarie o sezioni che andrebbero meglio, se limate.
  • Cerca di essere concentrato mentre scrivi e soprattutto concentrati sull’argomento principale del blog. Non impelagarti in connessioni un po’ difficili da comprendere o in voli pindarici. Stabilisci il tuo target, e scrivi per i tuoi lettori, in base a ciò che potrebbe interessarli. Sii umani, reale ed interessante.

Se per qualche ragione ti sentissi privo di ispirazione, non andare nel panico. Capita a tutti qualche volta – il segreto sta nel trovare qualche nuova e giusta ispirazione. Nei momenti di buio creativo preferisco leggere altri blog popolari, e magari partecipo alle conversazioni che essi generano. Inoltre, mi piace controllare anche le sezioni di domande e risposte di portali come Yahoo Answer, per cercare di capire cosa potrebbe interessare alle persone in u determinato periodo.

Ancora nessuna idea per il tuo blog? Spegni il PC, stacca la spina ed esci. Vai a farti una passeggiata all’aria aperta, fai un po’ di sport, distraiti in qualche modo. Muoversi aiuta molto a schiarirsi le idee e forse, allontanarti per un po’ dallo schermo del tuo PC è proprio quello che ti serve.

A questo punto, credo che il blogging non abbia più segreti per te. Che ne pensi? Coraggio, avvia il tuo blog e lasciaci il link tra i commenti, non vediamo l’ora di leggerti!

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

libri_sulla_vitaAndare via dall'italia