I vantaggi del buon impiegato

fare-una-buona-presentazione

I più recenti sviluppi economici hanno dimostrato che non c’è settore dell’industria, azienda o individuo interamente a prova di recessione. Milioni di persone, molte delle quali impiegate a tempo indeterminato, d’improvviso si sono trovate a dover fare domanda per il sussidio di disoccupazione. In alcuni casi potete fare veramente poco per proteggere voi stessi durante i periodi di grave crisi economica, ma in linea di massima è nell’interesse della maggior parte delle compagnie mantenere i propri migliori impiegati il più a lungo possibile. Entrare a far parte del club dei migliori impiegati ha svariati benefici; ve ne elenchiamo alcuni:

–       maggiori possibilità di avanzamento: i manager infatti vogliono ricompensare i loro lavoratori migliori;

–       Minori possibilità di essere licenziati quando i tempi si fanno difficili: i capi preferiranno mandare via gli impiegati a basso rendimento prima di quelli più bravi.

–       Maggiori soddisfazioni sul posto di lavoro: potete andare orgogliosi di un lavoro ben fatto.

Se siete interessati ad entrare a far parte di questa élite vi diamo alcuni suggerimenti che potranno aiutarvi a distinguervi dagli altri impiegati.

Imparate a fare bene il vostro lavoro

Voi siete stati assunti per assolvere a uno specifico compito: imparate tutto ciò che potete per eccellere in quella mansione. Non importa quale essa sia, se siete stati assunti per svolgerla vuol dire che è necessaria. Se si tratta di una posizione di entrata di basso livello ricordatevi che non potete aspettarvi di avanzare se prima non dominate quello specifico compito per cui vi hanno assunto. Ogni lavoro è necessario, non potete permettervi di considerarne nessuno inferiore a voi. La principale differenza sta nel fatto che alcuni lavori sono più semplici da svolgere, altri lo sono meno. Imparate a fare bene il vostro lavoro in maniera tale da non dover rimanere al punto di inizio più del necessario.

Siate puntuali

Siate sempre puntuali: se il vostro turno inizia alle otto del mattino arrivate con un anticipo abbastanza ampio da consentirvi di essere produttivi per le otto in punto. Non arrivate alle otto esatte per poi prendere il caffè socializzare coi colleghi e cose simili. Il vostro supervisore conta sul fatto che voi vi troviate dove dovete essere al momento opportuno, se così non fosse ne risentirebbero tutti quelli il cui lavoro dipende dalle mansioni che svolgete. Non costringete il vostro supervisore a dover spiegare al suo capo perché voi non siete pronti per lavorare all’ora prestabilita. Assicuratevi di non prendervi più tempo di quello consentito per le pause e il pranzo, lo ripetiamo: è importante che vi troviate nel posto in cui ci si aspetta di trovarvi nel momento in cui vi ci dovreste trovare. Infine cercate di non essere i primi a schizzare via alla fine della giornata lavorativa. Il vostro capo sa chi sono gli impiegati che prestano più attenzione all’orologio che al lavoro. Non siate quel genere di persona.

Se non siete sicuri chiedete

Se siete insicuri sul modo in cui portare a termine un compito o su qualunque altro aspetto del vostro lavoro, chiedete chiarimenti al vostro manager il prima possibile. Se non fate domande non potete essere produttivi anzi, potreste anche rendere il lavoro degli altri più complicato. Il vostro supervisore sicuramente vuole che voi riusciate bene in ci che fate e non avrà problemi a darvi una mano a capire come fare ciò che è necessario per raggiungere l’obiettivo. Fare domande rivela spirito di iniziativa mentre non chiedere potrebbe farvi apparire sciocchi e inefficaci. Non c’è nulla di male nel fare domande però se avete la necessità di continuare a porre lo stesso quesito innumerevoli volte, il vostro supervisore potrebbe cominciare a innervosirsi. Se ne avete bisogno prendete degli appunti in modo tale da poterli usare come punto di riferimento per il futuro: così avrete sempre sotto mano la risposta che vi è stata data. Scrivere potrebbe anche aiutarvi a ricordare meglio le cose.

Siate affidabili

I manager non hanno bisogno di stare sempre dietro agli impiegati se li considerano affidabili, hanno infatti la certezza che i loro dipendenti stanno facendo ci che è necessario per portare a termine i loro incarichi. Il capo sa che questo genere di impiegati lo avviserà quando qualcosa avrà bisogno della loro attenzione. Gli impiegati affidabili prendono il loro lavoro seriamente e possono anche essere caricati di responsabilità maggiori quando se ne presenta l’occasione. Gli impiegati affidabili hanno bisogno di molti meno sforzi degli altri per essere gestiti e questo rende il lavoro del loro manager molto più semplice. Questo, alla fine dei conti, accresce il vostro valore agli occhi del vostro capo.

Cogliete ogni occasione per imparare qualcosa di nuovo

Una volta che avrete imparato a svolgere le funzioni di base per cui siete stati assunti, cercate di trarre vantaggio da ogni opportunità che vi si presenta per imparare qualcosa di nuovo; questo potrebbe voler dire che dovete impegnarvi in una formazione incrociata, studiare per conto vostro o applicarvi in una sessione di training. Se vi vengono offerte simili occasioni vuol dire che il vostro datore di lavoro crede che avete potenziale da vendere. Mostrategli che non si sbaglia! Dimostrando che avete voglia di imparare nuove cose (e che avete le capacità giuste per apprendere) accrescerete il vostro valore agli occhi del capo. Più competenze avete più valete per il vostro datore di lavoro. Per esempio se lavorate come operaio edile e l’unica cosa che siete capaci di fare sono i tetti, allora è chiaro che le vostre opportunità sono limitate. Se invece siete in grado anche di installare finestre, parquet e di posare i mattoni allora siete un lavoratore versatile che può essere impiegato in molteplici mansioni su un sito di lavoro. Se i tempi sono duri, il vostro capo cercherà sicuramente di tenersi stretto qualcuno come voi il più a lungo possibile.

Certificazioni professionali

Sono molte le certificazioni tecnico/professionali che possono essere conseguite e spesso sono proprio i datori di lavoro a selezionare i migliori impiegati per conseguirle e a sostenere i costi per la formazione e la certificazione finale. Ve ne elenchiamo alcune per il settore ingegneristico/informatico:

  • Sun Certified Solaris Administrator
  • Sun Certified Network Administrator
  • Sun Certified Workgroup System Engineer
  • Sun Certified Enterprise System Engineer
  • Sun Certified Data Management Engineer (Solstice Disksuite)
  • Sun Certified Data Management Engineer (Veritas Volume Manager)
  • Veritas Certified High Availability Specialist Level 1 for Unix
  • EMC Proven Professional certification for CLARIION
  • Cisco Certified Network Associate

Ovviamente ogni settore ha le proprie e sarebbe opportuno che ognuno conoscesse quelle pertinenti al proprio lavoro e provasse a conseguirne il maggior numero possibile.

Siate propositivi

Non aspettate che vi venga detto quello che dovete fare: se vi rende conto che c’è qualcosa che potete fare per rendervi d’aiuto al di là delle vostre mansioni prestabilite, non esitate a farlo! Le persone che riescono a motivarsi da sole vengono stimate di più e hanno più chance di avanzamento. Una persona non propositiva finirà il compito assegnato e poi rimarrà lì seduto ad aspettare che il suo manager gli assegni un nuovo incarico. Cercate di non essere una persona che ha un bisogno costante di essere “gestita”!

Siate diligenti

Approcciate il vostro lavoro con impegno regolare, serio e energico. Qualunque sia il vostro lavoro, l’obiettivo deve essere svolgerlo in maniera eccellente. Fate attenzione ad essere sempre meticolosi e precisi. La vostra reputazione a proposito della diligenza, vi sarà d’aiuto in ogni posizione che ricoprirete. “Se vi capita in sorte di fare il netturbino, pulite le strade come Michelangelo dipinse la cappella Sistina, pulite le strade come Beethoven compose musica. Pulite le strade come Shakespeare scrisse poesie. Pulite le strade in maniera tale che tutte le anime del cielo e della terra dovranno fermarsi e dire: – Qui è vissuto un grande netturbino che ha fatto il suo lavoro per bene-.” Martin Luther King.

Siate positivi

Mantenete un atteggiamento positivo nel corso della giornata: in genere i manager e i colleghi amano le persone con attitudini positive. Le persone con un’indole positiva contribuiscono a dare energia all’ambiente di lavoro e in più simili disposizioni d’animo tendono ad essere contagiose: il vostro entusiasmo si propagherà agli altri. D’altro canto la maggior parte degli esseri umani non vuole persone negative intorno. A negatività risucchia le energie e l’entusiasmo da un ambiente di lavoro, rendendo le ore lunghe e faticose. Se poi dovesse sopraggiungere un momento di “down”, il supervisore sarà sicuramente lieto di tenersi stretto un impiegato energico e vitale piuttosto che uno depresso.

Siate disciplinati

Quando state a lavoro dovete essere presenti sia mentalmente che fisicamente. Non lasciate che Internet, il vostro smartphone, i pettegolezzi dell’ufficio o le questioni personali vi distraggano da ciò per cui venite pagati. Rimanere concentrati sulla vostra mansione vi aiuterà a rimanere sulla strada giusta per il successo.

Apprezzate le critiche costruttive

Siate consapevoli del fatto che voi non sapete tutto e farete sicuramente degli errori. Quando li commetterete è verosimile che il vostro capo ve lo farà notare. Lavoro vuol dire anche questo. Nel caso specifico la vostra parte consiste nell’ascoltare ciò che il capo ha da dire. Evitate di mettervi subito sulle difensive: ascoltate le critiche e cercate di imparare qualcosa da esse. Trattatele come una possibilità di migliorare il modo in cui fate le cose. Se la critica specifica vi manda su tutte le furie o vi sembra ingiusta, cercate di calmarvi prima di rispondere e prendete del tempo per pensarci su. Quando vi siete raffreddati, chiedete di poter parlare con la persona in questione in modo tale da capire meglio quali sono le aspettative nei vostri confronti e correggere il modo in cui fate le cose. È possibile che la critica che il vostro capo vi ha mosso, non fosse così severa come vi è apparsa: dopo tutto, come voi, anche lui è un essere umano e potrebbe benissimo fare degli errori. Anche se non siete d’accordo con la critica che vi è stata mossa, è importante che capiate come dal punto di vista di  quella persona è invece sensata. Voi potete sapere benissimo quello che intendevate dire o fare, ma magari non è il modo in cui la cosa è stata interpretata da un’altra persona.

Dispensate soluzioni, non problemi

Se le uniche occasioni in cui andate dal vostro capo è per sottoporgli dei problemi, egli comincerà ad associarvi ai problemi stessi. Così ogni volta che vi vedrà dirigersi verso di lui, comincerà a tremare pensando al problema con cui state andando ad assillarlo questa volta. Ovviamente è impossibile non avere problemi e qualunque sia il vostro lavoro dovrete aver a che fare con soluzioni difficili, perciò cercate piuttosto, quando chiedete udienza al vostro capo, di presentarvi non solo con dei problemi ma anche con delle soluzioni. Questo contribuirà a fare in modo che il vostro capo vi veda come una fonte di soluzioni piuttosto che come una fonte di problemi. Facciamo un esempio.

Esempio di problema : Capo il condensatore di flusso si è rotto.

Esempio di soluzione : Capo, il condensatore di flusso si è rotto. Ho fatto un paio di telefonate e ho trovato due compagnie che ce l’hanno disponibile. Una costa il dieci per cento in più ma è disponibile a venire a sostituirlo anche di notte, perciò possiamo essere operativi anche per mezzanotte. Posso ordinarlo anche adesso se lei approva.

Riuscite a vedere la differenza tra i due tipi di approccio?

Cercate di intraprendere buone relazioni

È importante instaurare una positiva relazione professionale con il vostro manager. È anche buona norma entrare in contatto con persone che lavorano in altri settori della vostra società. Questo vi aiuterà ad essere più consapevoli di cosa la compagnia fa nel suo complesso. Più sapete su quello che la compagnia fa, più potete apprezzare il vostro ruolo nell’azienda. Dovreste sempre trattare i vostri colleghi con rispetto, cortesia e gentilezza. Infondo sono tutti membri della vostra squadra. Allo stesso tempo è importante che non vi associate con persone che non hanno gli stessi valori: c’è sempre chi trascorre più tempo a lamentarsi che a lavorare. State lontani da simili influenze negative. 

Siate moralmente irreprensibili

Un buon impiegato è anche un impiegato moralmente corretto. Vale a dire un impiegato che:

–       segue le politiche della compagnia sia nella pratica che nello spirito:

–       non si prende il merito per il lavoro di altri;

–       si rapporta con le altre persone in maniera onesta e leale;

–       non diffonde pettegolezzi;

–       non disperde il tempo e le risorse della compagnie.

Conclusioni

Tutte le cose di cui vi abbiamo parlato sono importanti per essere un bravo impiegato. Alcune persone le fanno tutte in maniera naturale, per altre è necessaria un poco più di fatica. Ma ne vale la pena. A volte il solo essere consapevole di queste cose può aiutarvi a mettervi sulla strada giusta.

Post del forum consigliati

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

modi-di-comunicarelasciare-il-lavoro