LinkedIn: Aumentare le visualizzazioni

In una sola settimana sono riuscito ad aumentare il numero di persone che visualizzano il mio profilo LinkedIn del 250%. Non è fantastico? Più visualizzazioni significa anche maggiore possibilità di lavoro, maggiori connessioni e di conseguenza ulteriore visibilità nel mio settore.

Un’altra cosa fantastica? L’unica cosa che ho fatto di diverso in questi sette giorni è stato iniziare  a partecipare attivamente in un paio di discussioni sui gruppi.

Saper usare LinkedIn: la vera differenza

Ora che ho scoperto i benefici di questa attività, son decisamente diventato un contributore molto attivo. Mi sono posto come obiettivo di partecipare ai gruppi discussione almeno una volta a settimana.  Prova a fare lo stesso, e noterai u incredibile aumento delle visualizzazioni del tuo profilo.

Trova il gruppo più adatto.

Se sei già membro di diversi gruppi di particolare rilevanza nel tuo ambito, professione o interessi, bene. Altrimenti, cerca di correre ai ripari.

gruppi linkedinVai nella barra di ricerca in cima alla pagina e inserisci qualche parola chiave. Se sei un content strategist, prova ad usare parole come “content strategy”, “content marketing”, “creative content solutions”, e così via; se la tua occupazione principale è il cloud computing, cerca “cloud computing£, “cloud storage”, “cloud services”, “cloud computing and virtualizations”, e così via. Poi, nellabarra a sinistra, clicca su “Gruppi” per filtrare i risultati. Puoi anche fare una ricerca in bianco, schiacciando su invio senza digitare nulla, lasciando così LinkedIn libero di mostrarti i gruppi che considera più adatti a te.

Ci sono diversi tipi di gruppi, da gruppi generic, come “Content Strategy” ad alcuni molto specifici come “Donne nel marketing, Chapel Hill, NC): ognuno di essi ha una propria rilevanza e non ti limita ad un solo aspetto. Sarebbe consigliabile scegliere di partecipare ad un gruppo piccolo (con meno di 100 membri), uno medio (con meno di 1000 membri) e uno grande (con il numero degli iscritti che va da 1000 a 100.000 membri). Questa strategia ti renderà come un grande pesce in un piccolo stagno, un pesce medio in un lago medio e un pesce piccolo in un grande lago.

L’unica caratteristica che devono avere tutti i gruppi dove sceglierai di iscriverti? Devono essere attivi. Se nel gruppo non è stata avviata nessuna nuova discussione dalla settimana precedente, cerca un altro gruppo.

Guardati intorno

amici-linkedinNon fare ciò che ho fatto io, che immediatamente ho postato una discussione senza dare un’occhiata al resto che era presente nella pagina del gruppo. Dopo non aver ricevuto neanche una risposta alla mia domanda, ho scrollato un po’ la pagina e ho visto che  qualcun altro aveva già chiesto la medesima cosa che avevo chiesto io un paio di giorni prima.

Ora, quando mi iscrivo ad un gruppo, leggo sempre ogni post pubblicato nelle settimane precedenti (o anche mesi, se si tratta di un gruppo meno attivo). Prendo nota dello stile di conversazione che viene utilizzato in media (formale, casuale, qualcosa a metà strada?), dei post che hanno maggior successo (domande a risposta aperta? Discussioni sulle novità del settore? Richieste di consigli?) e i tipi di risposte (lunghe, dettagliate, brevi, veloci?).

Ti potrebbe sembrare che questo procedimento possa portar via molto tempo, ma non è csì. In teoria non dovrebbe prendere più di 15 minuti del tuo tempo e potrebbe aiutarti a risparmiare molto tempo in seguito, perché troverai sempre persone interessate ad aiutarti e felici di fare chiarezza su qualche tuo dubbio.

Partecipa ad una discussione.

profilo-linkedinA me piace molto contribuire ad un paio di thread prima di iniziarne uno nuovo. Ciò perché se i gruppi su internet fossero come dei party serali, non vorrai mai apparire come l’ospite saccente ed egocentrico che arriva in ritardo e cerca in ogni modo di dominare la conversazione.

Le discussioni alle quali commenterai non devono necessariamente essere attive. Potresti trovarne qualcuna che risale a qualche settimana prima, ma che il topic riguarda proprio l’argomento che sul quale sei maggiormente ferrato e potresti contribuire in maniera efficace. In quel caso sentiti libero di riportare l’attenzione su quella conversazione. A volte capita che aggiungo il mio contribuito direttamente alla conversazione scelta, per evitare poi di sembrare di star parlando con me stesso.

Quando commenti, ricordati sempre un paio di cose:

  • Frasi come “sono d’accordo con Giacomo”, non sono molto utili, a meno che non approfondisci ciò che ha detto Giacomo, riprendi il suo punto di vista e aggiungici la tua esperienza, o in qualunque altro modo, l’importante è che aggiungi informazioni utili.
  • Essere in disaccordo con le persone è divertente, ma devi sempre mantenere alto il livello dell’educazione e della professionalità. Non c’è niente di peggio di un membro del gruppo aggressivo.
  • Puoi promuovere la tua azienda, il tuo prodotto o te stesso, ma solo in modo del tutto naturale. Per esempio, se un membro del gruppo chiedesse se qualcuno avesse o meno letto un ebook sulle tecniche di vendita, potresti inserire il link al tuo libro. Se le persone, stanno semplicemente parlando delle tecniche più proficue, non irrompere nella conversazione con un “Leggi il mio libro!”
  • La rilevanza è la chiave di tutto. Se i tuoi commenti sono casuali, le altre persone ti ignoreranno.

Inizia una tua discussione.

qualifiche-linkedinPer il mio primo post in un gruppo, ho chiesto agli altri iscritti quanto avessero investito su un sitoweb personale. Si trattava in quel caso di un buon post per due ragioni: invitava le persone a condividere la propria esperienza, era generico abbastanza in modo che tutti potessero contribuire, e c’erano molti sub-topic possibili, come se si dovesse pagare per un sito, e quanto se ne potesse sfruttare uno per promuovere se stessi.

Prova a pensare ad una domanda a risposta aperta, inerente al tuo ambito. Puoi anche condividere articoli o siti che potrebbero essere ritenuti interessanti dal gruppo. Usando anche qualche domanda aperta per creare maggior coinvolgimento.

LinkedIn inoltre, ti permette di condividere le tue discussioni sugli altri social media, perciò se volessi veramente iniziare una conversazione genuine, post al link su Twitter e Facebook.

Una volta che avrai commentato o avrai iniziato una nuova discussione in un gruppo, il tuo compito sarà praticamente compiuto. A questo punto non dovrai far altro che aspettare di vedere il flusso di commenti generarsi da sè.

Se hai intenzione di provare, o hai già provato questi miei consigli, faccelo sapere con un commento.

Recent Posts

Start typing and press Enter to search

Lavorare in Americaimparare-le-lingue