Chardonnay della Nuova Zelanda che dovreste provare

Le immaginarie bevitrici di vino Chardonnay, come Bridget Jones, Kath e Kim avrebbero molto di cui rispondere su una delle uve più nobili del mondo, e sul perché, negli ultimi 10 anni o giù di lì, molti di noi hanno smesso di berlo.

Le origini dello Chardonnay

Non solo è diventato fuori moda bere Chardonnay, ma il prodotto stesso ha sofferto a causa della marea di versioni a buon mercato, omogeneizzate e a lungo fermentate con trucioli di rovere del più versatile Vinifera. Gli anni ’80 e ’90 sono stati inondati con rese di uva eccezionali, di bouquet profumati, corpose, avvolgenti e quasi masticabili con cui gli enologi australiani hanno continuato a conquistare il mondo.

Nella sua città natale di Chablis, Francia, lo Chardonnay è venerato da più di 500 anni. A seconda di dove e come è cresciuto, la versatilità del vitigno è indiscutibile. I migliori esempi possono oscillare da rinfreschi leggeri, temprati, freddi, a vini dolci di vendemmia tardiva di linea e durata inebrianti, fermandosi in tutte le zone, buone, cattive, e brutte, così come va.

Lo Chardonnay oggi

Al giorno d’oggi, un bicchiere di vivace Sauvignon bianco dalla Nuova Zelanda, è più popolare fra i bevitori medi rispetto ad un bicchiere di Chardonnay corposo e cremoso.
Infatti, il Sauvignon Blanc rappresenta il 72% del totale di vino prodotto dai neozelandesi, con Australia come maggior mercato di esportazione.

Si potrebbe obiettare che, se le scene di Kath e Kim fossero state scritte oggi, questi personaggi dall’indole riflessiva si starebbero, più che probabilmente, versando un bicchiere di Sauvy Bee, invece di “Kar-don-ay“.

Ma lo Chardonnay è senza tempo, e la sua capacità di abbinarsi facilmente con il cibo si esprime in frasi come, “ABC; Anything But Chardonnay “, è qualcosa di cui raramente si sia mai sentito parlare, da parte degli esperti.

Amo lo Chardonnay della Nuova Zelanda. Nei più caldi, assolati climi del nord, in luoghi come Gisborne, Hawkes Bay, e Nelson (parte superiore della South Island), lo Chardonnay è profumato con frutta fresca tropicale e texture tondeggianti, simili alle dolci colline che delimitano l’orizzonte .
Più a sud si va, più si raffredda, e lo Chardonnay coltivato in Marlborough, Waipara, e le regioni dell’Otago centrale,  riflette i paesaggi rivitalizzanti, i picchi nevosi, richiamando il paesaggio alpino neozelandese che svetta in alto, nel cielo.

La mia personale lista dei vini

Dopo una recente visita, queste sono le mie prime scelte dello Chardonnay neozelandese

2013, Crazy By Nature Shotberry Chardonnay, Millton Vineyards , Gisborne, Certificato Biologico, 13%, 22 $

James e Annie Millton sono stati biodinamici prima che fosse alla moda. Secondo livello, ma non per questo seconda scelta, lo Chardonnay Shotberry è come una sicura strada di accesso nel meraviglioso mondo del nord della Nuova Zelanda Chardy.

Una miscela di due luoghi distinti, Riverpoint e Opou, bere questo vino è come bere Gisborne in un bicchiere. Frutta gialla matura e fiori, raffreddati da nebbiolina oceanica, cullati da un lieve ondeggiamento su di una zattera di quercia, che sembra lì solo come una vera  e propria protezione, invece che come un armamento.

2013, Bilancia Chardonnay, Bilancia, Hawke’s Bay, 13%, $29

I viticoltori, Lorena Leheny e Warren Gibson sono tutta una questione di equilibrio. Ci sono sei lettere in entrambi i loro cognomi, sono entrambi Bilancia, e quando si degustano i loro vini sembra quasi siano stati prodotti da Lady Giustizia in persona, da cui il nome; ‘”Bi’lancia(be-larn-cha), significa oggettività, armonia ed equilibrio in italiano.

Se il loro La Collina sirah è una vera oasi di piacere, allora questo Chardonnay è un anticipo dell’intenso party che vi aspetta. Il sentore leggermente affumicato unito al profumo di morbidi fiori bianchi si mescola con l’aria all’interno del vetro, portando con sé aromi di buccia di pera, di frutta bianca con nocciolo e di miele salato, mentre sapori di croccante mela verde, burrosi biscotti, come la torta di mele al forno con fette di pesca bianca glassata sulla parte superiore, forniscono la formula di sapore in questo divino esempio di Chardonnay da Hawkes Bay.

2013, Hope Vineyard Chardonnay, Greenhough, Nelson, Certificato Biologico, 13.7%, $35

Andrew Greenhough è un uomo con un master in storia dell’arte, che ha abbandonato le sue ambizioni di essere un gallerista d’arte – una carriera che lo avrebbe portato a mettere in mostra le creazioni artistiche di altre persone – e che si è invece strasferito a Nelson con la moglie Jenny, dove ha acquistato un vigneto, in un posto chiamato Hope. Lì si prefiggono di far crescere e creare le loro proprie opere d’arte. Questo vino mette in mostra il vero punto di forza del potenziale di questa regione di fare grande Chardy, le splendide colline argillose del Moutere.

Respirate profondamente, il liquido dorato illuminato dal sole che possiede aromi carnosi di nettarina gialla, si sposa perfettamente con il sapore salato dei popcorn al burro, e polpa di ananas verde. Seducente, non slanciato, corposo, non molle. Questo vino non è distribuito in Australia, e non ho idea del perché, ma se siete in viaggio nella regione vale la pena di farne scorta.

2014, Chardonnay, Te Whare Ra (TWR), Marlborough, Certificato Biologico, 13.2%, $38

Anna e Jason Flowerday considerano la viticoltura molto seriamente. Dopo tutto, il loro sostentamento ne dipende. Ecco perché tutti i loro vini hanno una certa precisione a guida laser, che non vuol dire che manchino di anima, ma piuttosto, bere un vino bianco TRW è come ascoltare una performance live dei Daft Punk.

L’anno scorso è stato un anno eccezionale per il Flowerday, e si vede in questo brillante vino di punta. Immaginate, burro fondente su pietre di fiume calde mentre le fredde acque glaciali che profumano di fiori di lino bianchi, agrumi, croccanti pesche noci e altri frutti con nocciolo si alternano tra di loro ritmicamente, purificando e raffreddando le pietre, lasciando sottili tracce minerali di adrenalina residua e gioia … beh, sarebbe un eufemismo.

2014, Home Chardonnay, Black Estate, Waipara , 12.5%, $45

Situato a nord di Canterbury, nella South Island della Nuova Zelanda, Waipara Valley è sede di una serie di varietà viticole di alta qualità, tra cui Black Estate, dove coltivano lo Chardonnay da vitigni di 21 anni, irrigati l’ultima volta nel 1998. La meticolosa attenzione ai dettagli del viticoltore Nick Brown si riflette in un vino completo, caratterizzato da linee precise e curve eleganti. In un’altra vita, Nick potrebbe essere stato un costruttore d’auto italiano.
La fermentazione secondaria completa regala una presa testuale che sembra non aver fatto nulla per schiacciare i filanti acidi su cui naviga questo vino.

Cheddar Gunsmoked, lemon spritz e scaglie di cocco forniscono il gancio ideale per aprirsi e gustare in profondità tutta la ricchezza angolare della buccia di mango, e della polpa di ananas verde racchiusi all’interno del vetro.

2013, Block 2 Chardonnay, Felton Road, Central Otago, Certificato Biologico, 14%, $45

Il paesaggio dell’Otago Centrale è stato scolpito dall’ iperbole. Le montagne, i campi, i fiumi e i laghi, la neve, la terra, e le viti a foglia verde, poi oro, poi rosso. Dall’alba al tramonto, L’Otago Centrale è la prova che Dio è un bevitore di vino.

Felton Road potrebbe essere proprio il nome meno fantasioso per un’etichetta di vino, eppure producono alcuni dei vini più affascinanti del paese. Lo Chardonnay Block 3 è profondamente dorato nel colore e profuma come frutti tropicali ghiacciati; melone croccante, ananas carnoso, bucce di mango – poi, lime morbido, noci e miele speziato. Ad ogni elemento si abbinano minuscoli fiocchi congelati di ghiaccio, che forniscono tagliente tensione. Come vele che si spiegano al vento, questo vino è flessibile, agile e aggraziato nel suo giro, intorno alla bocca, giù oltre il vostro cuore e, infine, riposa nel vostro ventre per far brillare di luce del sole la vostra anima.

POST DEL FORUM CONSIGLIATI

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

fame-nel-mondo