Le cinque caratteristiche dell’impiegato ideale

impiegato idealee

professione

Quali sono le doti che qualificano dei buoni impiegati e un buon personale amministrativo in Australia? Di seguito vi elenchiamo alcune caratteristiche che, se si riscontrano negli impiegati e nel personale in generale, e vale a dire prodotti e servizi di qualità e grande soddisfazione degli impiegati. In base ad accurate ricerche statistiche, le cinque qualità più ricercate dai datori di lavoro in un impiegato sono:

  1. Affidabilità
  2. Onestà e integrità
  3. Attitudine positiva e propositiva
  4. Voglia di lavorare
  5. Utilizzo produttivo dei tempi morti

Altri cinque suggerimenti per farsi assumere

I sondaggi nazionali che hanno coinvolto diversi aziende nel 2013 hanno rivelato che i datori di lavoro, gli addetti alle risorse umane e altro personale addetto ai colloqui danno molta importanza a cinque caratteristiche che potrebbero risultare determinanti per farvi assumere al posto di altri candidati. Queste caratteristiche sono:

  1. Un buon senso dell’umorismo
  2. Il coinvolgimento nelle attività della comunità (volontariato, politica e via dicendo)
  3. L’essere ben vestiti
  4. Avere qualcosa in comune con l’intervistatore
  5. Una buona forma fisica

Andiamo adesso a vedere più nel dettaglio in cosa consistono le cinque caratteristiche del primo elenco che vi abbiamo proposto.

Affidabilità

Secondo i manager, lo staff esecutivo e il team delle risorse umane, l’affidabilità consiste nelle seguenti qualità positive:

  • umore sostanzialmente stabile sul posto di lavoro. Il datore di lavoro, i colleghi e i clienti sanno cosa aspettarsi e possono dare fiducia all’impiegato in questione.
  • Seguire sempre le direttive e dimostrarsi volenteroso nell’apprendere sempre nuove mansioni, nuovi metodi di lavoro e aggiornamenti della società per poterli applicare al meglio.
  • Grande precisione e accuratezza.
  • Capacità di lavorare in maniera indipendente.
  • Capacità di andare d’accordo con i propri pari, con la direzione, con lo staff esecutivo e coi clienti.
  • Mantenere un buon aspetto e una buona igiene in linea con le politiche dell’azienda.
  • Arrivare sempre in orario sul posto di lavoro e ritornare prontamente alla postazione dopo le pause.
  • Mantenere la propria presenza costante e non prendersi giorni di malattia solo perché non si sono utilizzati. Avvisare in anticipo quando è necessario assentarsi per via di un malanno o di un’emergenza.
  • Essere collaborativo, fare domande intelligenti e offrire suggerimenti quando è appropriato.
  • Mostrare un atteggiamento propositivo e interessato.
  • Fare gioco di squadra.

Onestà e integrità

Queste qualità significano qualcosa in più di dire sempre la verità. Esse si riferiscono anche alla volontà di fare sempre del proprio meglio per il lavoro, la società, il capo. Tirarsi indietro per la paura di lavorare più degli altri e non avere un riconoscimento per questo è un comportamento immaturo: se un impiegato elabora un simile pensiero dovrebbe sedersi a tavolino con il proprio supervisore o con il proprio capo e chiedere a viso aperto quali sono le possibilità di avanzamento e di aumento e come perseguirle. Fare il meno possibile mentre gli altri faticano per fare la differenza non è un tratto caratteriale desiderabile né a lavoro né nella vita privata. Ricordate che molte delle colonie americane, quando furono fondate, erano guidate da leader che sostenevano: “Colui che non lavora non mangia”. Un impiegato che si impegna a fare il minor sforzo possibile si farà ben presto dei nemici tra i colleghi e presumibilmente non verrà mai promosso. In più questa sua caratteristica negativa risulterà come un problema durante la revisione annuale. Tanto per capirci meglio facciamo alcuni esempi di comportamenti che possono essere ritenuti disonesti o rivelare mancanza di integrità:

  •  lavorare più lentamente rispetto al ritmo standard dei colleghi;
  • lavorare di fretta e a casaccio creando errori;
  • fare il lavoro dei colleghi al posto loro per comprarne l’amicizia;
  • timbrare il cartellino dei colleghi al posto loro quando sono in ritardo (questo, tra l’altro, è illegale);
  • sgraffignare risorse e materiali destinati al lavoro;
  • estendere in maniera indiscriminata le proprie pause;
  • dedicarsi alle proprie questioni personali durante l’orario di lavoro usando le risorse della compagnia, incluso il telefono e Internet.
  • sorrisi;
  • postura corretta;
  • tono di voce condiscendente;
  • lamentele attraverso i canali appropriati affiancate da idee propositive per il miglioramento;
  • rispetto e cortesia;
  • gestione dei conflitti e dell’ira;
  • buone prestazioni lavorative;
  • interesse per gli altri.

Atteggiamento positivo e propositivo

Le vostre attitudini rivelano le vostre convinzioni e valori e mostrano ciò che pensate del vostro lavoro, dei colleghi, del capo. Tutte queste cose si rendono evidenti nella qualità del vostro operato. Ricordate che il vostro capo è consapevole dell’atteggiamento che avete sul posto di lavoro e vigila su di esso quotidianamente. La vostra attitudine è importante tanto quanto quello che producete. Attenzione a non confondere un’attitudine positiva con un’immagine di costante felicità ma è meglio essere positivi piuttosto che meditabondi e arrabbiati. Positivo può anche essere sinonimo di propositivo che è la caratteristica di chi prende l’iniziativa senza aspettare che le cose gli cadano tra le braccia. Vi suggeriamo alcuni atteggiamenti positivi che potreste adottare:

E per completezza anche qualche atteggiamento da evitare:

  • espressione spenta, accigliata o corrucciata;
  • accasciarsi sulle sedie e appoggiarsi ai muri;
  • sarcasmo, tono di voce esagerato; mormorii;
  • lamentarsi del lavoro;
  • parlare male della società con i colleghi facendo sentire anche gli altri autorizzati ad adottare lo stesso comportamento;
  • avere scoppi di ira inappropriati;
  • mantenere prestazioni lavorative al di sotto dello standard richiesto;
  • ignorare le altre persone sul posto di lavoro.

Le buone abitudini possono aiutarvi a ricevere una promozione, a farvi degli amici, a compiacere i clienti e ad aumentare le vendite. Come se non bastasse aumentano il vostro valore complessivo agli occhi della compagnia.

Voglia di lavorare

La voglia di lavorare si dimostra con queste qualità:

  •  abilità e desiderio di comunicare attraverso l’organizzazione e l’esposizione del proprio pensiero in maniera chiara.
  • Intelligenza, vale a dire mostrare buon senso e voglia di imparare.
  • Autostima che si rivela attraverso la determinazione e lo spirito di iniziativa.
  • Capacità di accettare le responsabilità: per farlo è necessario accogliere le nuove sfide, ammettere i propri errori e riparare ad essi.
  • Essere un buon leader dando il buon esempio e facendo da guida.
  • Alto livello di energia.
  • Capacità di andare d’accordo con gli altri.
  • Gestione dei conflitti.
  • Stabilire e raggiungere degli obiettivi migliorandosi continuamente.
  • Capacità occupazionali, vale a dire essere in grado di fare il proprio lavoro e accettare nuove proposte formative.

Usare i tempi morti in maniera produttiva

Quando sul posto di lavoro non avete impegni o scadenze pressanti e non siete impegnati in qualche progetto di vasta portata, siate lo stesso produttivi impiegando il vostro tempo per fare una di queste cose:

  • leggete giornali e riviste che si occupano di economia e che magari hanno pubblicato degli articoli sulla azienda in cui lavorate.
  • Leggete su Internet quali sono le ultime tendenze nel vostro settore.
  • Chiedete agli altri se hanno bisogno d’aiuto o se c’è qualche cosa di nuovo da fare.
  • Pensate a un modo migliore per fare qualcosa che riguarda il vostro lavoro o la compagnia in generale.
  • Pulite e organizzate la vostra area di lavoro.
  • Aggiornate i vostri file di sistema, cestinate le vecchie email, i messaggi e via dicendo.
  • Scrivete un articolo sul vostro lavoro o sull’azienda in cui lavorate e sottoponetelo al vostro capo.
  • Seguite online un corso importante per il vostro lavoro, alcuni sono gratuiti.

Post del forum consigliati

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

donna-leaderpersuadere-il-pubblico