Le cose che i reclutatori non vi diranno durante il colloquio

A volte cercare lavoro può essere una delle cose più tediose e scoraggianti da affrontare nella vita. Molte persone infatti scelgono di mettersi in proprio per evitare di dover passare attraverso questo spiacevole processo. Quando però alla fine arriva la telefonata di convocazione per un colloquio, generalmente ci si sente sollevati anche se è proprio in quel momento che inizia la vera fatica. In quanto persone che cercano lavoro in Australia, il vostro futuro dipende in buona misura di reclutatori che scelgono se farvi avere un colloquio o meno per un lavoro ben pagato, si spera, o, se non altro, almeno per uno che vi consenta di mettere un piatto in tavola tutti i giorni.

Andiamo a scuola o all’università per apprendere competenze necessarie al lavoro ma ciò che non ci viene insegnato a scuola è come fare per ottenere questo agognato lavoro. Vista la presenza di così tante persone qualificate sul mercato, le vostre possibilità di ottenere quel lavoro da sogno rischiano di sfumare lentamente. Dovete capire che i reclutatori intervistano più persone per un’unica posizione e questo significa che la competizione è serrata. Ci sono varie cose alle quali dovete fare attenzione, a partire dalla cura dell’aspetto e della persona, questioni a cui i reclutatori fanno parecchio caso. In altre parole dovete essere vendibili più degli altri. Se avete difficoltà nel trovare lavoro ma ricevete comunque tante proposte di colloquio o nemmeno queste, sicuramente state sbagliando qualcosa. Cerchiamo di capire cosa può essere.

Le ragioni per cui potreste non ottenere mai un colloquio

Anche se avete il miglior curriculum del mondo, quello che interessa al reclutatore è l’intero pacchetto e non solo pezzetti e brandelli di quello che il candidato ideale dovrebbe avere. Ecco alcune ragioni del perché la vostra ricerca di lavoro potrebbe risultare vana:

  •  non vi vestite abbastanza bene per andare a sostenere il colloquio;
  • avete un aspetto poco curato;
  • avete scarse capacità comunicative;
  • la vostra personalità ha qualcosa che stona;
  • siete perfetti.

Nel caso in cui non lo aveste notato, nessuna delle cose che abbiamo menzionato ha minimamente a che fare con il vostro essere qualificati per un determinato lavoro. Questo è perché l’avere ottenuto un colloquio è già di per sé indice del fatto che siete qualificati per quella posizione. Non importa quante volte alle persone che cercano lavoro viene detto che il modo in cui ci si presenta è tutto, molti non sembrano afferrarlo.

Gli errori più grossi da evitare

Uno degli errori più frequenti e più rilevanti che molte persone che cercano lavoro commettono, ha a che fare con il modo in cui si presentano vestite al colloquio. Credeteci o no ma potreste non ottenere il lavoro perché siete vestiti in maniera eccessiva. È importante essere abbigliati in maniera formale ma ci sono alcuni luoghi di lavoro in cui invece la formalità non è appropriata; non aver fatto delle ricerche per capire quale sia la tipologia di vestiario più appropriata per un posto sicuramente non vi produrrà alcun bene. Ogni volta che andate a sostenere un colloquio, dovete tenere gli occhi aperti su questioni come il dress code e la scelta del colore giusto. Anche la cura di voi stessi gioca un ruolo fondamentale per il successo durante un colloquio e potrebbe essere troppa così come troppo poca. Anche in questo: informatevi bene sul posto nel quale state andando a fare un colloquio. Oltre al dress code e alla cura di voi stessi, anche le vostre capacità comunicative contano. Ricordate che rappresenterete l’azienda è il reclutatore ha bisogno di trovare una persona eloquente e sicura di sé senza per questo risultare intimidatoria.

Perfetto non sempre vuol dire sincero

Il modo in cui parlate e il linguaggio del vostro corpo contribuiscono ampiamente al successo durante un colloquio e azioni come agitarsi di continuo o un’espressione facciale piatta potrebbero essere alcune delle ragioni per le quali continuate a perdere delle opportunità. La personalità è uno dei fattori determinanti durante un colloquio e sebbene essere sicuri di sé è una buona cosa, esserlo troppo potrebbe risultare dannoso. Il reclutatore di certo tenterà di valutare la vostra personalità e la vostra centratura ed è un dato di fatto che i candidati disperati e assillanti raramente ottengono un lavoro. Come ultima cosa, e non per importanza, potreste essere troppo perfetti. Molti potrebbero rimanere sorpresi da questa affermazione ma la verità è che un’apparenza di estrema perfezione risulta in una forma di insincerità. Pensateci bene: c’è qualcosa di inquietante in una persona perfetta, anche se raramente capita che un reclutatore vi dica che siete perfetti sotto ogni punto di vista. Comunque la vostra apparenza di perfezione potrebbe essere la vera ragione per la quale ancora non avete trovato un lavoro.

Le cose che non sapete sui reclutatori

Non è sempre colpa vostra se non ottenete un lavoro per il quale il colloquio era andato molto bene. I reclutatori spesso sono pagati a provvigione e spesso va oltre il loro controllo la determinazione del momento in cui otterrete un lavoro. Ecco alcune cose che un reclutatore potrebbe non voler condividere con voi:

 – la posizione per cui state sostenendo il colloquio non esiste;

 – l’offerta di lavoro è stata revocata;

 – il cliente non sta collaborando.

Molte persone non lo sanno ma alcuni dei lavori per i quali i reclutatori vi chiedono di sostenere un colloquio non esistono neppure. Si, forse non è etico ma è una pratica usuale tra i reclutatori al giorno d’oggi. E allora perché lo fanno? Innanzitutto per fare bella figura sulla carta: se vogliono essere assunti devono apparire molto impegnati nel loro lavoro, anche se questo significa sostenere dei colloqui telefonici. A volte può accadere che il cliente che ha assunto il reclutatore si dilegui e altri se assumono i candidati scelti dai reclutatori solo per poi riconsiderare silenziosamente la cosa quando il reclutatore ha terminato il suo compito. Ci sono delle buone probabilità che il vostro reclutatore non vi dirà che il loro cliente è sparito nel nulla o non risponde alle sue chiamate; tanto meno che ha ritirato l’offerta di lavoro.

Le cose che il vostro reclutatore non vi dirà

Dovete rendervi conto che, proprio come voi, il vostro reclutatore è un essere umano e che la sua decisione di non portarvi avanti per un lavoro potrebbe essere basata sulle seguenti ragioni:

- lo intimidite;

- lo irritate;

- non avete un aspetto abbastanza bello.

Dal momento che tutti abbiamo un ego, l’ultima cosa che dovreste voler fare è intimidire un reclutatore, perché se lo farete ovviamente costui prenderà una decisione su basi personali anche quando voi sarete il candidato giusto per un lavoro. Magari semplicemente lo irritate per qualcosa che ha a che fare con la vostra personalità. Anche il modo in cui vi presentate conta e il reclutatore non vi dirà mai che siete sovrappeso o troppo magri ma queste potrebbero essere alcune delle ragioni per le quali non riuscite a ottenere il lavoro.

Come avrete potuto notare, ci sono molte cose che passano nella mente dei reclutatori. Alcune delle loro tattiche potranno anche essere spietate, ingiuste o poco etiche ma alla fine dei conti dipendiamo tutti da loro per ottenere quel lavoro di cui tanto abbiamo bisogno.

Post del forum consigliati

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

Evitare-di-cambiare-lavorodisoccupazione-australia