La raccolta delle perle in Australia

La raccolta delle perle in Australia è uno dei lavori (chiamati di solito casual jobs: sono temporanei e non necessitano di particolari qualifiche, servono a guadagnare in fretta soldi) tipico dei backpackers.

E’ un lavoro che si rivela non adatto a tutti, richiede molta resistenza fisica ed è particolarmente stancante e ripetitivo. Lo sappiamo che ti stai domandando “avrà qualche vantaggio questo lavoro?”, non ti resta che continuare a leggere per scoprirlo!

raccolta-delle-perle-in-australia

Vuoi trovare un lavoro nella raccolta delle perle in Australia? Clicca su G+, ti porterà
fortuna

[plusone]


COSA VUOI SAPERE?

 


Raccolta delle perle in Australia: il tipo di lavoro

Le origini

L’industria delle perle in Australia è antichissima.

In origine le popolazioni aborigene scandagliavano i fondali alla ricerca di questi preziosi regali della natura;il loro commercio era molto sviluppato. Con l’arrivo dei bianchi l’attività di raccolta delle perle si trasformò in una vera e propria industria.
Questo tipo di commercio si rivelò ben presto fiorente. Le perle nel Vecchio Continente venivano impiegate nella gioielleria e per creazioni artigiane (bottoni, manici di posate, pettini, ecc).

Per poterle raccogliere venivano impiegati lavoratori aborigeni (esperti in questo mestiere) e lavoratori asiatici (molto più economici da stipendiare).
All’inizio la raccolta delle perle era un lavoro faticoso ed estremamente pericoloso: esaurita la disponibilità di ostriche sui bassi fondali vicino la costa si dovette prendere il largo per cercare altre ostriche contenenti perle.

Tieni sempre presente che i raccoglitori erano costretti ad immergersi in apnea senza l’ausilio di alcuna attrezzatura.
Verso la fine dell’Ottocento furono inventate le tute per le immersioni: anche se cambiarono drasticamente il lavoro, non smise mai di essere faticoso e rischioso (soprattutto a causa degli attacchi degli squali).

Dopo la rivoluzione

Tutta l’industria delle perle è cambiata dopo la Seconda Guerra Mondiale: i metodi di raccolta adottati fino a quel momento avevano portato a un vero svuotamento dei mari e, allo stesso tempo, la richiesta di perle da parte del mercato era in declino a causa della massiccia diffusione della plastica.

Le perle che si raccolgono oggi sono per lo più coltivate: nelle ostriche si inseriscono delle piccole palline di plastica, attorno a cui l’animaletto che abita la conchiglia creerà uno strato perlaceo.

Per fortuna il lavoro di chi raccoglie le perle adesso non è certo più quello dell’Ottocento: non serve essere esperti subacquei o scendere nelle profondità marine.

Ogni azienda di perle utilizza delle aree di oceano in cui coltivare le perle e l’attività richiesta consiste soprattutto nella pulizia delle ostriche; esse infatti attirano alghe, piccoli vermi marini e altre creature che devono essere eliminate dalle conchiglie per evitare che le danneggino ed impediscano la formazione della perla.

Si tratta di un lavoro duro fisicamente, stancante e anche “puzzolente”, per cui pensaci bene prima di candidarti e leggi i pro e i contro che ho raggruppato al fondo di questo articolo per aiutarti a decidere.

raccolta-delle-perle-in-australia

Storicamente, la raccolta delle perle in Australia era affidata ai lavoratori asiatici. Oggi, invece, è molto diffusa tra i backpackers.

 


Raccolta delle perle in Australia: dove trovare lavoro

La capitale della raccolta delle perle in Australia è sicuramente Broome.

Questa città ha saputo resistere a tutti i cambiamenti che l’industria delle perle ha attraversato negli ultimi due secoli e ancora oggi ospita le aziende più famose.

Broome si trova in Western Australia ed è il centro più famoso della regione di Kimberley; in realtà tutta la costa che va dalla Kuri Bay a nord alla Shark Bay a sud è zona di perle.
Broome in particolare è una destinazione turistica molto amata dai backpackers ; temperatura ottimale (30° C di giorno e 18° di notte), mare spettacolare che la bagna, spiagge da sogno (la più famosa è la Cable Beach).

Altre compagnie in cui cercare lavoro si trovano nel Queensland, ma sono ormai ridotte a una quindicina; si trovano nel Northern Territory, in particolar modo sulla Coburg Peninisula, a nord-ovest della capitale Darwin.

Per trovare lavoro è consigliato affidarsi al buon vecchio passaparola, leggere gli annunci direttamente sul posto e telefonare alle compagnie; spesso, infatti, questi lavori non sono pubblicizzati online.

Ti consiglio di iniziare la tua ricerca dalle maggiori compagnie australiane: Clipper Pearl, Paspaley Group, Cygnet Bay, Willie Creek, che sui loro siti hanno una sezione dedicata alle offerte di lavoro.

Ricorda che quello della raccolta delle perle è un lavoro stagionale; puoi trovare offerte durante tutto l’anno ma il periodo di maggior richiesta è quello in cui maturano.
Le perle dopo uno o più anni dalla “semina”arrivano a piena maturazione nei mesi tra aprile/maggio fino a settembre/ottobre.
In questo periodo la richiesta di giovani backpackers che vogliono vivere l’esperienza della raccolta delle perle è molto alta, per cui è più facile trovare lavoro.

raccolta-delle-perle-in-australia

Questa è la Cable Beach, la spiaggia più bella e famosa di Broome, capitale della raccolta delle perle in Australia.

 


Raccolta delle perle in Australia: quanto si guadagna

Ogni compagnia è diversa, per cui non è possibile dare una cifra esatta, ma indicativamente si possono guadagnare anche 1000 A$ alla settimana (una giornata lavorativa è solitamente di dieci ore, se non di più).

Non farti ingannare dai numeri: non sono soldi facili.

Anche se non ci vogliono competenze particolari il lavoro è duro e le ore sono tante, per cui ti guadagni ogni dollaro.

Se però consideri che non spendi nulla o quasi durante il periodo lavorativo può essere un ottimo modo per mettere via un po’ di soldi per concederti una vacanza o cercare con calma un altro lavoro (in questo articolo trovi tutte le informazioni su quanto si guadagna in Australia).

Consulta periodicamente la sezione offerte di lavoro del nostro blog, viene aggiornata quotidianamente!

raccolta-delle-perle-in-australia

Molte compagnie chiedono ai backpackers di vivere e dormire sulla barca fino a due settimane di fila. Un ottimo modo per risparmiare!

 


Raccolta delle perle in Australia: i pro e i contro di questo lavoro

Vediamo assieme i CONTRO:

  • è molto stancante e richiede forza fisica e resistenza.
  • dovrai occuparti della pulizia delle conchiglie, che sono incrostate di animali marini, alghe e puzzano.
  • ti costringe a stare in mare per dieci giorni o due settimane senza interruzioni – alcune compagnie preferiscono infatti ospitare i lavoratori sulle barche, altre escono in mare solo durante il giorno; verifica questo aspetto quando rispondi a un annuncio di lavoro.
  • le giornate di lavoro sono lunghe, di solito anche oltre le dieci ore.
  • dovrai svegliarti prestissimo (il lavoro inizia all’alba, per cui la sveglia è verso le 4 o le 5 del mattino) e andare a dormire presto.
  • sulla barca non ci sono attrazioni o divertimenti particolari.

Prima di lasciarti scoraggiare rifletti: se è così richiesto ci sarà un motivo! Ebbene, ce n’è più di uno. Scopri qui di seguito quali sono i PRO:

  • la raccolta delle perle si svolge in luoghi mozzafiato, che ti permettono di entrare a contatto con una natura in parte ancora incontaminata.
  • potrai vedere da vicino la wildlife marina australiana e fare delle nuotate in mari cristallini.
  • risparmi moltissimo perché vivendo sulla barca non hai alcun tipo di spesa e vitto e alloggio sono inclusi.
  • dopo tanti giorni di lavoro ininterrotto ritorni a terra e puoi goderti alcuni giorni (spesso si tratta di un’intera settimana) di vacanza e relax.
  • vivrai un’esperienza unica. Con te ci saranno persone che vengono da ogni parte del mondo e con cui starai a stretto contatto per tanto tempo. L’unione fa la forza! E si creano in questi contesti le amicizie più autentiche e durature.
  • avrai le carte in regola per estendere il tuo Working Holiday visa di ancora un anno.
    raccolta-delle-perle-in-australia

    Questo lavoro è stancante e a volte noioso: ma ha diversi vantaggi. Ho compilato una lista di lati positivi e negativi per aiutarti a decidere se fa per te.

 


Pensi che la raccolta delle perle sia il lavoro adatto a te? Portale Australia è qui per aiutarti!

 

Come accennato la raccolta delle perle in Australia è un’attività che molti backpackers svolgono; inserito nella lista dei lavori temporanei che si svolgono negli Stati regionali (le aree meno urbanizzate del Paese) si rivela un lavoro vantaggioso. Vuoi rinnovare il tuo WHV? Devi obbligatoriamente lavorare in uno di questi stati.

Oltre alla raccolta delle perle ci sono tante altre occupazioni tra cui scegliere! Alcuni esempi: raccolta della frutta (una delle professioni più famose), potatura alberi, accudimento degli animali, lavori agricoli, lavoro in miniera.

Lo so, non è facile orientarsi (mille possibili occupazioni, i visti, l’alloggio, ecc ecc).
Portale Australia ha però creato un pacchetto esclusivo con tutti i servizi davvero necessari per realizzare il tuo sogno.
Ti servono consigli e aiuto in vista della partenza? Siamo qui per te!

Chiamaci oggi stesso al  numero italiano (+39 389 252 7751) o a quello australiano (+61 479 127 068), oppure scrivici cliccando sull’immagine qui sotto.

Vuoi saperne di più su quali sono tutti i lavori che puoi svolgere per rinnovare il visto? Scarica il nostro e-book completo sul lavoro nelle farm!


vivere-sydney

Recommended Posts

Start typing and press Enter to search

stipendio-in-australiafare lo chef in Australia