10 capacità interpersonali che possono aiutare la vostra carriera in Australia

capacita-interpersonali

Siete a un punto morto della vostra carriera in Australia? Se volete progredire, forse dovreste smetterla di esibire le solite abilità preconfezionate trite e ritrite del tipo: capacità di ascoltare, capacità di risolvere problemi, capacità di fare gioco di squadra, apprezzamento degli altri, capacità di usare un linguaggio del corpo positivo. Che noia. Di seguito vi proponiamo un elenco di tratti comportamentali trasferibili ai quali potreste non aver pensato e che invece potrebbero diventare la vostra carte vincente per un avanzamento di carriera oltre che le vostre abilità più quotate. E se qualcuno dei nostri suggerimenti vi apparisse di difficile attuazione ricordatevi che migliorarsi non è mai un compito semplice.

Differite il giudizio

Differite il vostro giudizio sul modo in cui qualcuno è vestito o parla, sul luogo in cui ha studiato e sulle idee che presenta. In tre parole: non siate spocchiosi. Anche la persona che potreste considerare la più orrenda, volgare e scorretta che avete mai incontrato potrebbe avere una grande idea. Quell’idea potrebbe anche essere migliore delle vostre o più semplicemente attuabile. E ricordate che più una persona è diversa da voi maggiore sarà la possibilità che vi metta di fronte a un punto di vista che non avevate preso in considerazione.

Imparate a gestire il rifiuto

Il vostro manager ha bocciato una delle vostre idee? Avete chiesto a un collega di pranzare insieme e lui (o lei) ha rifiutato? Ammettiamolo, non sono cose belle. Però esistono molte ragioni che potrebbero indurre gli altri a rifiutarvi e non tutte dipendono da qualcosa che avete fatto. Magari il vostro collega ha pochi soldi e non ha voglia di condividere questa informazione con voi. Vi sentireste davvero di condannarlo se fosse così? Non assillate gli altri con i vostri musi lunghi, mugugni e sbuffi. Passateci sopra e basta. In altre parole: comportatevi da adulti.

Non supponete mai

C’è una buona ragione se questo vecchio adagio sopravvive da tempo immemorabile: dice la pura verità. Se volete avere la risposta a una domanda o sapere la verità a proposito di un pettegolezzo, chiedete e basta. Non c’è garanzia alcuna di ricevere una risposta schietta e sincera ma almeno avrete fatto un tentativo di capire realmente cosa sta accadendo.

Riflettete

Giocate da soli con voi stessi al poliziotto buono e poliziotto cattivo e aprite davvero la mente a idee di segno opposto quando entrate in conflitto con un collega. Anche se non vincerete la battaglia lì per lei, imparerete qualcosa che sul lungo periodo potrebbe tornarvi utile.

Non siate conformisti

Abbiate il coraggio di andare contro corrente. Dare tutta la responsabilità agli altri non vi farà onore né metterà in luce ciò che sarete stati capaci di ottenere. Sognate in grande: immaginate un modo diverso di gestire le cose e vedete cosa accade. In questo modo ci sono buone probabilità che ci si accorgerà di voi in una maniera positiva.

Sorridete

Non c’è nessuna ragione di fare sorrisetti o di sorridere in maniera affettata, piuttosto provate a fare un esperimento e ad elargire sorrisi aperti e fiduciosi proprio nei giorni in cui preferireste ritirarvi dalla lotta. Un sorriso pacificatore al momento giusto può sciogliere molte situazioni difficili. Fate pratica nello specchio finché vi riuscirà naturale.

Scegliete accuratamente le vostre battaglie

Il prepotente di turno rimarrà spiazzato quando vi alzerete di fronte a lui e gli renderete pan per focaccia con un’argomentazione solida e fredda. Quando arriva il momento di uno scontro faccia a faccia ricordatevi di supportare le vostre affermazioni coi fatti e i documenti. Dall’altro lato dovete sapere anche quando è il momento di tacere. I colleghi e il capo noteranno il vostro equilibrio e di certo lo apprezzeranno.

Mantenete i pettegolezzi al minimo

Essere la fonte di pettegolezzi dell’ufficio potrebbe sembrare una cosa divertente perché i colleghi vi cercheranno sempre per accaparrarsi l’ultimo scampolo di informazioni su qualunque argomento. Ma non è una buona idea. Mai. Finirete solo col guadagnarvi una brutta nominata e in più nessuno vuole lavorare con una persona pettegola. Tutti infatti sanno che qualunque cosa diranno verrà ripetuta e soprattutto stravolta.

Non monopolizzate le conversazioni amichevoli

Non è detto che a chiunque interessi sapere della dieta del vostro cane o dell’ultimo paio di scarpe che vi siete comprati, per quanto carine crediate che possano essere. In quanto colleghi, le persone che vi stanno attorno vogliono essere amichevoli e la conversazione sul vostro ultimo appuntamento potrebbe facilmente trasformarsi in un  monologo noioso per chi lo ascolta o in un fiume di informazioni indesiderate nel peggiore dei casi. Quindi smettetela di essere egocentrici e lasciate che anche qualcun altro possa parlare di tanto in tanto. E ricordatevi che meno parlate adesso, più le persone avranno voglia di ascoltarvi in seguito, quando la cosa potrebbe essere veramente importante.

Tenete basso il vostro tono di voce

Questo suggerimento è particolarmente importante se lavorate in un open space. Non diventate lo sguaiato (o la sguaiata) dell’ufficio. Davvero volete che tutti conoscano i dettagli finanziari del vostro ultimo progetto o che sentano quella parola di troppo che vi siete lasciati sfuggire? Nel caso in cui i vostri colleghi riescano a sentirvi mentre siete ancora nella hall, per favore riconsiderate il volume della vostra voce. E non dimenticatelo mai: il silenzio è d’oro, specialmente in un ufficio.

Post del forum consigliati

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

colloquio-lavoro-australiaLavorare in Australia