Scalare Uluru, si o no?

Uluru è il nome aborigeno originale di Ayers Rock, uno dei massicci rocciosi più famosi al mondo e sicuramente uno dei simboli australiani per eccellenza. Scalare Uluru è una delle maggiori attrazioni turistiche in Australia, ma la scelta di fare questa scalata è “eticamente corretta”?

scalare-uluru

Una donna aborigena accompagna una turista europea nel tour per vedere Uluru

Il fascino di Uluru

Sono le sei di sera e c’è una leggera aria di festa all’area panoramica per vedere il sole tramontare su Uluru. Lo spiazzo è pieno di turisti che vengono da ogni parte del mondo e che si sono ammassati alle loro postazioni per vedere questo incredibile e unico spettacolo serale.

Una donna che indossa vestiti color kaki da avventuriera e un cappello australiano, Akubra, si è arrampicata sul tettuccio di una Land Cruiser e sta sistemando un treppiede, mentre due ragazze francesi si fanno dei selfie e un gruppo di persone ha sistemato un tavolino pieghevole e l’ha riempito di stuzzichini, bicchieri e un paio di bottiglie di champagne.

I cellulari e gli iPads sono pronti in posizione per scattare le foto migliori dell’enorme monolite, che cambierà colore passando dal rosso ruggine al color cioccolato e poi viola, rosa, porpora e arancione acceso a mano a mano che il sole scenderà.

Un frammento di conversazione si alza dalla folla. “Non è così grande.” dice un bambino.

Sua madre gli risponde ad alta voce con un forte accento australiano. “Vedrai che non lo dirai più quando lo scaleremo domani.”

Scalare Uluru è assolutamente legale e migliaia di turisti vi si arrampicano ogni anno.

Ma il sentiero che si segue per arrampicarsi segue un percorso sacro usato dagli uomini Mala per le loro cerimonie e il fatto che i turisti lo percorrano va contro i desideri della popolazione indigena locale.

scalare-uluru-2

La posizione degli indigeni locali “Quella che state scalando è una montagna per noi molto importante e sacra, non dovreste arrampicarvi, perché non è la cosa giusta da fare.” dice Kunmanara che ne è il proprietario per tradizione.

Eppure una delle prime cose che i visitatori incontrano quando arrivano al parcheggio principale che si trova ai piedi di Uluru, è la catena della via ferrata che sfregia la fiancata dell’enorme roccia e che scompare verso la cima della montagna.

La seconda cosa che i visitatori incontrano è un cartello. Il cartello dice: “Noi, i proprietari originari Anangu, vogliamo dirvi questo. Uluru è sacro nella nostra cultura, è un luogo di grande conoscenza. Secondo la nostra legge tradizionale non è permesso arrampicarsi sulla montagna. Questa è la nostra casa. Per favore non scalatela.”

Uluru non è l’unico luogo da visitare in Australia: ecco altre otto destinazioni da non perdere

La posizione dei ranger e del personale del luogo

scalare-uluru-4

Nonostante ciò alle otto di mattina ci sono già circa 12 persone, compreso un genitore con bambini piccoli, che stanno scalando la parete rocciosa. Alla base di Uluru ci sono altre cinque persone che si stanno preparando per salire.

Uno dei ranger che accompagnano i turisti nelle escursioni intorno alla base di Uluru, dice che circa il 30% dei visitatori decide di arrampicarsi.

Scopri la storia di Uluru: leggi questo articolo

Durante l’escursione guidata il ranger ci parla del danno ambientale causato dagli scalatori, compresi gli escrementi e il vomito che si lasciano dietro, il defluire della spazzatura nelle pozze d’acqua sacre e la preoccupante scomparsa delle rane.

Alla fine del tour ci spiega che i turisti stranieri di solito rispettano la richiesta di non arrampicarsi, ma che non è affatto insolito che gli australiani manifestino una mentalità della serie “Paese mio, roccia mia”.

Un dipendente di Voyages, un operatore turistico dell’Ayers Rock Resort, che non era stato autorizzato a fare commenti ufficiali, ha stimato che più dell’ 85% dei visitatori chiede informazioni sulla possibilità di scalare Uluru.

Ci ha raccontato che “I peggiori sono gli australiani arroganti, che si arrabbiano e sostengono ‘E’ il mio paese e dovrei sentirmi libero di fare quello che voglio.’”.

La scelta: scalare o non scalare Uluru?

scalare-uluru-3

Ai piedi della montagna, Kim e suo marito Graham, in vacanza dal Regno Unito, stanno leggendo il cartello. Kim dice che non scaleranno Uluru “Per mostrare almeno un po’ di rispetto per il popolo Aborigeno che ci chiede di non farlo” ci spiega.

Più tardi, alcune persone tornano dall’arrampicata.

Una ragazzina, che non vuole sia fatto il suo nome, era qui con un gruppo scolastico dal New South Wales. Ci ha detto che scalare è stato difficile e pauroso. “Abbiamo fatto discorsi culturali e tutto,” ci ha detto, “alcuni di noi hanno deciso di scalare e altri di non farlo.” “Credo che dovremmo essere liberi di prendere le nostre decisioni” ha affermato Alex, che ha 23 anni, viene dalla Germania ed è con un gruppo di backpackers che ha incontrato a Melbourne. Ha detto di essere consapevole del fatto che scalare Uluru fosse una scelta delicata dal punto di vista culturale, ma questo non lo ha dissuaso. “Volevo solo una bella foto,” ha detto. “Non ero mai stato nel deserto prima e la vista è davvero bellissima.”

Il giorno dopo Ann, in vacanza con la sua famiglia dalla costa centrale del New South Wales, è ferma in un’area panoramica per vedere il tramonto su Uluru. Ann ci racconta che suo marito ha scalato la roccia e che lei aveva pianificato di fare lo stesso. “Ero assolutamente decisa a farlo. E’ qualcosa che devi fare e basta, hai presente?” ha detto. “Ma poi ho fatto il tour e ho cambiato idea dopo che mi hanno spiegato quanto sarebbe stato irrispettoso.”.

Non perderti anche 24 ore a Uluru

La situazione oggi e il futuro di Uluru

I giorni in cui si potevano comprare magliette e tazze con su scritto “I climbed Ayers Rock” sembrano finiti da un pezzo. Souvenir così sono impossibili da trovare all’Ayers Rock resort e Yolanda Greening, che lavora in un negozio di souvenir a Yulara, dice che non li tengono più nemmeno in stock.

Secondo il progetto di gestione attuale, il percorso di arrampicata sarà chiuso nel momento in cui il numero di scalatori scenderà sotto il 20%. Fino ad allora pare che rimarrà viva e realizzabile la tentazione di scalare Uluru, questa meraviglia geologica.

Ma senza dubbio, per altre persone, il giorno in cui le catene per scalare saranno rimosse non arriverà abbastanza in fretta.

Recommended Posts

Start typing and press Enter to search