Prima di partire alla volta dell’Australia

Iniziamo questo viaggio alla scoperta dell’Australia più vera con una serie di informazioni essenziali sui visti turistici e sui Working Holiday Visa.

Immaginate: state per vivere un’emozione unica, la vacanza dei vostri sogni in Australia e improvvisamente vi ritrovate a corto di denaro. Il vostro sogno è destinato a trasformarsi in incubo. Niente paura, perché ci sono  diverse soluzioni per evitare il problema, e un piccolo piano di battaglia potrebbe aiutarvi ad affrontare ogni tipo di inconveniente.  Nelle prossime righe troverete alcuni dei consigli basilari che tutti dovrebbero conoscere.

Trovare un lavoro per pagare le proprie vacanze è una delle scelte più comuni per i viaggiatori solitari e i backpackers australiani, che intendono visitare l’Australia, a meno che non abbiano enormi riserve di denaro da parte per affrontare l’avventura, oppure vengano aiutati dai genitori che sono rimasti a casa.

Non è difficile incontrare ragazzi e ragazze che nel loro paese d’origine non riescono a trovare un lavoro soddisfacente e, spinti anche dagli inverni deprimenti dell’emisfero boreale, decidono di partire verso la calda e soleggiata Australia. E quando, se non in una fase di stasi della propria esistenza, è il momento migliore per fare le valigie e partire? Molti pensano, meglio essere alla ricerca di lavoro in Australia, con le sue spiagge soleggiate e la sua vita avventurosa, lasciandosi andare ad una vacanza spensierata e ad un’esperienza di vita unica, piuttosto che lasciarsi sopraffare dallo sconforto di qualcosa di incontrollabile. Ma, chi decide di partire deve svolgere i compiti a casa prima di fare le valigie, altrimenti si troverà con ogni probabilità in difficoltà.

Di seguito troverete cinque consigli essenziali per vivere al meglio il viaggio dei vostri sogni, scoprendo tutto ciò che ha da offrire la magnifica quanto unica terra di sotto.

Visto Turistico Australiano

Per entrare in territorio australiano avrete bisogno di un passaporto valido per la durata della vostra permanenza in Australia e un Visto Turistico Australiano valido, rilasciato dall’ambasciata nel vostro Paese di appartenenza e registrato sul passaporto prima della data di partenza. Coloro che sono diretti in Nuova Zelanda invece, sono esonerati da queste richieste, perché riceveranno un permesso di soggiorno al loro arrivo nel paese.

Le richieste per i visti possono essere prodotte presso le Ambasciate Australiane nel mondo, i Consolati Australiani o l’Alta Commissione quando possibile, nel paese in cui possedete la cittadinanza, ma ricordate che al giorno d’oggi la richiesta, ovvero, l’Australian Visa Application, è possibile inviarla anche online.

Assicuratevi di richiedere proprio il visto di cui avete bisogno, a seconda di quelli previsti per il Paese di cui possedete la cittadinanza. Facciamo un esempio ipotetico: Se avete intenzione di lavorare e stabilirvi una volta giunti in Australia, non ve ne farete nulla di un permesso di soggiorno limitato a turisti in semplice visita nel paese.

I visti turistici sono validi in generale per i soggiorni che vanno dai 3 ai 12 mesi, a seconda del permesso richiesto.  Il visto turistico, non permette di lavorare o studiare in Australia. Dal momento che un datore di lavoro vi chiederà sicuramente i tax-file number come viene richiesto per ogni lavoratore, non vi sarà permesso lavorare senza il giusto visto. Se desiderate lavorare o studiare, assicuratevi di richiedere un work o student visa.

Pianificate le vostre risorse finanziarie

Potrebbe sembrare una cosa ovvia, ma senza denaro non si cantano messe! La cosa principale da tenere a mente è non venite in Australia senza un gruzzolo di denaro da tenere da parte in caso di necessità, o con un po’ di soldi lasciati a casa per ogni evenienza. Anche un biglietto aereo per il ritorno potrebbe essere una buona assicurazione per il vostro viaggio.

Nella maggior parte degli impieghi avrete la possibilità di guadagnare dagli 80 ai 120 dollari al giorno e se non sarete pagati direttamente, potrebbe essere detratto da tali cifre il 30% per le tasse. Sarà possibile in seguito richiedere il rimborso di parte delle deduzioni e solitamente viene chiesto al momento di lasciare l’Australia. Il vostro datore di lavoro o l’Australian Tax Office (ATO) potrà darvi le giuste informazioni a riguardo.

Per maggiori informazioni potrebbero essere utili siti come www.taxback.com e www.xtax.com.au.

Working Holiday Visa

Il Working Holiday Visa australiano può essere ormai richiesto in diversi paesi del mondo. Prima di tutto, assicuratevi che il Paese nel quale avete la cittadinanza, sia presente nella lista dei paesi riconosciuti – la maggior parte dei paesi europei fanno parte di questa lista -. Generalmente dovrete avere un’età compresa tra i 18 e i 30 anni. Ha una durata annuale e può essere richiesto una sola volta nella vita. Ricordate, può essere però rinnovato per un secondo anno, ma pensateci bene prima di farne richiesta. Desistete, se per il momento non ne siete sicuri.

Alcuni viaggiatori che arrivano in Australia con un visto turistico, ma che si rendono conto di voler lavorare in Australia e di allargare le proprie possibilità nel paese, spesso si recano per breve tempo in Nuova Zelanda per poi rientrare in Australia. Il biglietto andata e ritorno da Sydney per Auckland ha costi variabili, che possono aggirarsi intorno ai 350 dollari australiani. Ma, prendete in considerazione tutte le possibilità. Potreste ottenere diverse agevolazioni, per esempio sconti speciali se siete degli studenti. Il consiglio principale è quello di comparare i prezzi delle diverse compagnie aeree, operanti nella tratta, da Qantas ad Air New Zealand, senza tralasciare Jetstar e Virgin Blue.

Attenzione ai requisiti per le tasse.

Prima di iniziare qualunque ricerca di lavoro, è importante essere in possesso dell’Australian Tax File Number (TFN). Mentre le tasse possono variare in base al proprio reddito, è essenziale possedere il TFN, altrimenti verrete automaticamente inseriti nella fascia di pagamenti più alta.

Cercate di carpire quante più informazioni possibili dall’Australian Tax Office attraverso il loro sito www.ato.gov.au

Per maggiori informazioni:

Visitare: www.immi.gov.au alla voce Working Holiday Visa (subclass 417).

Rinnovo del Working Holiday Visa per il secondo anno

Nel corso degli anni le leggi sull’immigrazione hanno subito delle modifiche, e attualmente è permesso richiedere il rinnovo del Working Holiday Visa a quei viaggiatori che trascorrono tre mesi o più come lavoratori stagionali nelle farm nelle zone regionali dell’Australia (ovvero nei luoghi lontani dai centri a maggiore densità). È però, necessario rispondere a particolari requisiti. Se si decide di rimanere per il secondo anno consecutivo, assicuratevi di svolgere i tre mesi richiesti nelle farm. È meglio svolgere questo periodo all’inizio della vostra avventura. Si devono raggiungere gli 88 giorni di lavoro in campagna per poter richiedere il secondo visto. Il segreto sta nell’organizzarsi quanto prima per massimizzare al meglio il tempo e le proprie competenze nel periodo in cui si è in Australia.

Opportunità di lavoro nelle zone rurali: In Australia ci sono moltissime opportunità di lavoro stagionale durante tutto l’anno, e data l’enorme vastità del paese, la disponibilità dovrebbe essere abbastanza. Nel Northern Australia per esempio, si possono raccogliere meloni  manghi in inverno. Nella parte meridionale dell’Australia, invece, in inverno vengono potati i vigneti e in inverno viene raccolta l’uva.

Facendo quest’esperienza nei campi avrete un bonus sugli altri tipi di viaggiatori: molto spesso coloro che decidono di visitare l’Australia con zaino in spalla si lamentano di non aver avuto la possibilità di incontrare i veri Aussies. Grazie a questa esperienza invece avrete l’opportunità di misurarvi con loro, e potrete anche imbattervi nel loro linguaggio colorito ed unico, chiamato “strine”. È il linguaggio principale che viene parlato nelle campagne australiane. Nei prossimi giorni scopriremo un po’ di più della lingua australiana, in particolare dello strine, in modo che avrete una marcia in  più per rapportarvi con i vostri nuovi compagni australiani. Ma, attenzione! Alcune parole o frasi tipiche e accettate nello strine, potrebbero essere invece, ritenute offensive da altre persone che vivono in zone differenti dell’Australia.

Potrete scoprire di più  a proposito delle opportunità di lavoro stagionale visitando il sito istituzione del governo australiano, www.jonsearch.gov.au/HarvestTrail.

Tra le pagine di questo sito troverete anche la “National Harvest Guide” per avere una visione di insieme delle stagioni per la raccolta in base alle diverse regioni, oltre ad altre informazioni come magari l’ospitalità in quelle zone o le condizioni lavorative o ancora i collegamenti.

Dopo questi primi consigli, non resta che darvi appuntamento al prossimo articolo, continuando la nostra avventura nel modo migliore per vivere e scoprire questo fantastico paese.

Post del forum consigliati

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search

backpacker-australiaSydney a portata di backpacker