Sette cose che non sapevo sull’Australia

cose-sapere-australia

L’Australia è una terra feconda di contraddizioni, grandi o piccole che esse siano e la cosa è abbastanza comprensibile dal momento che si tratta di un continente relativamente tagliato fuori dal resto del mondo. E che altro potremmo aspettarci dal momento che Perth è di gran lunga più vicina a Singapore e Jakarta di quanto non lo sia a Canberra? L’Australia è una terra composita e la sua geografia varia dall’afoso deserto centrale al tropico umidiccio, dalle montagne innevate alle isole ricoperte da bianche spiagge di gesso. Una rara gemma poi è rappresentata dalla Tasmania che è un vero e proprio mondo a parte ma non certo al di fuori dell’Australia. Il paese è certamente vittima di una serie di stereotipi (il particolare accento, la Vegemite, l’entroterra inesplorato e molti altri) ma è anche ricco di cose inaspettate e piene di fascino. Allora scoperchiamo la pentola una volta per tutte e andiamo a scoprire sette cose che molto probabilmente non sapete a proposito dell’Australia.

1. Se il Western Australia fosse un paese autonomo sarebbe al decimo posto nel mondo per estensione territoriale.

L’Australia è grande e questo lo sappiamo tutti. A superarla per le dimensioni sono solo il Brasile, gli Stati Uniti d’America, la Cina, il Canada e la Russia. Ma le grandiose dimensioni del Western Australia li ridimensionano aprendo una nuova, bella prospettiva. Questo è infatti uno stato che supera le pur analoghe dimensioni di Algeria, Groenlandia. Messico, Sudan, Arabia Saudita, Indonesia e Libia. Cosa ancora più impressionante, il Western Australia è talmente ricco di fattorie di bestiame da far impallidire la stessa Inghilterra. Inoltre se volete fare un viaggio da Esperance a Kununurra sulla North West Coastal Highway/National Route 1 preparatevi a un percorso di quattromilatrecentotrentaquattro chilometri che potrete comodamente percorrere in appena quarantasei ore.

2. L’ornitorinco è velenoso.

L’Australia annovera nella sua fauna alcuni tra i più bizzarri e insoliti animali del pianeta, forse molti di più di qualunque altro continente. Tra i vari vombati, quolls, diavoli della Tasmania, goanne ed echidna spicca lo strano ed enigmatico ornitorinco.   I primi incontri degli europei con l’ornitorinco furono accompagnati dalla più totale incredulità al punto che i più pensavano che si trattasse del parto malato di qualche fantasia delirante. E invece no. Come si è potuto scoprire, il mammifero marino, oviparo, col becco di papera, la coda di castoro e i piedi palmati è non solo reale ma persino velenoso. Il veleno comunque si trova solo in uno sperone collocato sulla zampa posteriore del maschio.

3. I dromedari sono degli animali selvatici dannosi in Australia.

L’Australia così ricca di diversità è certamente famosa per la sua singolare ed endemica fauna selvatica, tuttavia il paese si trova ad avere spesso difficoltà di grande  portata con la flora e la fauna infestanti, come coi dromedari ad esempio. Più di un milione di esemplari di questa specie infatti girovaga attraverso l’Australia centrale e gli esemplari oggi sono incomparabilmente di più degli ungulati trasportati dall’India nel 1840 con l’intento di farne bestie da soma. L’annuale Camel Cup ad Alice Springs   evidenzia la crescita degli indesiderati animali girovaghi del deserto.

4. Lo stato del South Australia è arido ma produce molto vino.

All’inizio potrebbe apparire come una gigantesca e inconciliabile incongruenza: il South Australia è lo stato più arido del paese più arido del pianeta e tuttavia proprio da lì proviene più della metà del vino prodotto in tutta l’Australia. Riuscite a immaginare come sia possibile? La risposta all’apparente dicotomia è che mentre il clima arido è dovuto al Great Victoria Desert, allo Strzelecki Desert e allo Sturt Stony Desert, il vino proviene da luoghi dotati di uno straordinario microclima come la Barossa Valley e la Clare Valley.

5. Il cricket è lo sport nazionale ma …

… il football la fa da padrone. Così ha decretato l’Australia. Avete presente quello sport maschile che non è il rugby, si gioca su un campo a forma di ellissi ed ha una nomenclatura particolare fatta di termini come clangers, crumbers, ruck rovers e snags. I grandi eventi del cricket, del rugby e del football attraggono folle numerose e innalzano l’audience televisiva ma l’AFL Grand Final è verosimilmente l’appuntamento più importante sul calendario sportivo australiano. (Sebbene la Melbourne Cup, corsa di purosangue, fornisca notevoli argomenti di persuasione al pubblico).

6. L’Australia ha il maggior numero di siti naturali decretati dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

Il paese ha ben diciannove siti considerati patrimonio mondiale dell’umanità, tre dei quali (il Royal Exhibition Building con annessi i Carlton Gardens, la Sydney Opera House e gli Australian Convict Sites) si trovano sotto la categoria dei beni culturali.   I rimanenti rientrano tutti, completamente o in parte, nella categoria dei beni naturali, cosa che conferisce all’Australia una fetta considerevole, il 7,5 per cento per esattezza, della totalità delle meraviglie naturali del mondo. Tutti quanti conoscono la grande barriera corallina, la Tasmania e l’Uluru-Kata Tjuta National Park, o hanno in progetto di visitarli ma sarebbe opportuno trovare il tempo anche per luoghi più remoti ma non meno preziosi come il Lord Howe Island Group, la Ningaloo Coast e i Fossil Mammal Sites a Riversleigh e Naracoorte.

7. Oltre l’ANZAC, i biscotti, i lamingtons e le pavlovas.

Dubitiamo che qualcuno possa veramente comprare tutto ciò che “shrimp on the barbie” o che creda l’Australia fatta solo di Vegemite e pasticci di carne quando suona la campana del pranzo. Dopo tutto una nazione con una cultura esasperata per il vino e il caffè non può non sapere come cucinare bene. L’Australia attualmente ha quattro dei suoi migliori ristoranti nella Restaurant Top 100 tuttavia non vi sarò necessario prenotare un tavolo da Marque o Attica per cenare come un’autorità regale.

Post del forum consigliati

Recommended Posts
Showing 2 comments
  • monica

    Ciao e grazie x averci fatto sognare . buona permanenza. …io ti consiglio di trattenersi se i italo non hai un lavoro o un progetto preciso . A proposito..un abbraccio da Monica alle se non ci conosciamo.bye

  • marco

    Grazie per queste informazioni.
    Saluti
    Marco

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search